Quantcast

Ndrangheta operazione Inter Nos: nove persone in carcere sette ai domiciliari (I nomi)

Le parole dei magistrati della Procura di Reggio e i particolari dell'operazione di questa mattina condotta dallo Scico e dal Gico della Guardia di finanza

Più informazioni su

    Sono complessivamente 24 gli indagati dell’operazione “Inter Nos” che ha fatto luce sulle infiltrazioni della ‘ndrangheta nella sanità pubblica e in particolare sugli appalti per le pulizie nell’Asp di Reggio Calabria. Nove persone sono finite in carcere su disposizione del gip Karin Catalano che ha firmato l’ordinanza di arresto su richiesta del procuratore Giovanni Bombardieri, dell’aggiunto Gerardo Dominijanni e dei pm Walter Ignazitto, Giulia Scavello e Marika Mastrapasqua. Tra queste c’è il direttore del settore della struttura complessa Gestione Risorse Economico Finanziarie dell’Azienda sanitaria provinciale, Giuseppe Corea. Sette indagati sono finiti ai domiciliari, tra cui il consigliere regionale Nicola Paris, accusato di corruzione. Per lui la Dda e la Procura ordinaria avevano chiesto il carcere perché, nella sua qualità di consigliere regionale, “tentava di intervenire presso il Governatore facente funzioni della Regione Calabria Antonino Spirli al line di sollecitare il rinnovo contrattuale” di Giuseppe Corea, ritenuto un “funzionario asservito” agli imprenditori coinvolti nell’inchiesta e che avevano sostenuto lo stesso Paris “durante la campagna elettorale”. Insieme a Paris, sono finiti ai domiciliari la funzionaria dell’Asp Filomena Ambrogio, gli imprenditori Angelo Zaccuri, Lorenzo Delfino Sergio Piccolo, Gianluca Valente e l’impiegato della Direzione sanitaria dell’ospedale di Melito Salvatore Idà. Oltre al dirigente dell’Asp Corea, invece, in carcere sono finiti Domenico Chilà, Antonino Chilà, Giovanni Lauro, Antonino D’Andrea, Mario Carmelo D’Andrea, Francesco Macheda, Nicola Calabrò e Massimo Costarella.

    Il gip ha disposto, infine, l’interdizione per un anno nei confronti di Giuseppe Giovanni Galletta, idirettore dell’esecuzione del contratto di appalto per le pulizie vinte dall’Ati “Helios”, ritenuta legata alle cosche di Locri oltre che alle famiglie mafiose Serraino di Reggio Calabria e Iamonte di Melito Porto Salvo. Le 17 persone coinvolte nell’inchiesta sono accusate, a vario titolo, di associazione di stampo mafioso, associazione per delinquere – aggravata dall’agevolazione mafiosa – finalizzata alla turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, corruzione, frode nelle pubbliche forniture, estorsione, intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti, Nell’inchiesta, con l’accusa di turbativa d’asta, sono indagati anche l’ex direttore generale dell’Asp Grazia Rosa Anna Squillacioti, l’ex commissario Francesco Sarica e la dirigente dell’ufficio Programmazione e Bilancio dell’Azienda sanitaria Angela Minniti. L’indagine dello Scico e del Gico della Guardia di finanza ha permesso di accertare che i servizi di pulizia e sanificazione delle strutture amministrative e sanitarie ricadenti nella competenza territoriale dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Reggio Calabria sono stati affidati ad individuate società, i cui membri, risultati essere “legati” a varie consorterie criminali della provincia di Reggio Calabria. Dall’attività investigativa, infatti, è emerso un distorto utilizzo del sistema della proroga del rapporto contrattuale. In assenza di alcuna procedura di evidenza pubblica, gli indagati sono riusciti per anni a proseguire artificiosamente il rapporto con l’Asp.

    Tra proroghe e ricorsi, il il collante era quello che i pm definiscono “un collaudato sistema di corruttela”: false fatturazioni emesse da imprese compiacenti, ma anche indebite dazioni di denaro sono state elargite in maniera continuativa e sistematica al fine di mantenere saldo nel tempo il pactum sceleris siglato tra i funzionari dell’Asp e gli imprenditori vicini ai clan che godevano di una “corsia preferenziale” per il pagamento delle prestazioni rese. L’attività d’indagine ha permesso di rilevare come le componenti l’Ati “Helios” abbiano svolto con modalità difformi da quelle previste i servizi straordinari di sanificazione e disinfestazione, affidati dall’Asp a seguito del diffondersi del coronavirus, da effettuarsi nei diversi presidi ospedalieri della provincia di Reggio Calabria. Stando all’inchiesta, in piena pandemia gli arrestati si sarebbero appropriati indebitamente dei dispositivi di protezione individuale anti-Covid-19, sottraendoli finanche al personale sanitario impegnato in occasione dell’emergenza. Alcuni indagati, infine, si sarebbero sottoposti indebitamente alla vaccinazione prevista, all’epoca dei fatti, solo per individuate categorie. (Ansa)

    Più informazioni su