Quantcast

Annullata in autotutela anche l’aggiudicazione concessione demaniale a Bay What

Il Comune di Catanzaro accelera sulle nuove procedure ad evidenza pubblica per i primi due lotti, mentre per il terzo si è chiusa la manifestazione d’interesse

È andata a compimento anche la seconda procedura di annullamento in autotutela dell’assegnazione provvisoria alla società Bay What srl del lotto 1 (Cdm Est) delle aree demaniali marittime dello specchio d’acqua interno al Porto di Catanzaro. La prima, riguardante l’assegnazione del lotto 2 (Cdm Ovest) alla società Navylos srl era andata ad analogo compimento già il 21 luglio scorso, dopo che il dirigente delegato alle questioni del porto e l’Ufficio legale dell’Ente avevano valutato le controdeduzioni della società assegnataria. Da ora in poi il Comune può intraprendere senza altra remora le procedure di evidenza pubblica per l’assegnazione definitiva degli specchi d’acqua che finalmente possano accogliere le imbarcazioni che i diportisti, per questa estate, hanno dovuto gioco forza ormeggiare altrove con grave nocumento proprio e più in generale per l’economia che gira intorno alla loro passione.

Intanto proprio il 2 agosto trascorso era il termine fissato per la presentazione delle manifestazioni di interesse per l’assegnazione del terzo specchio d’acqua, un’iniziativa nata su sollecitazione di Catanzaroservizi che già da un anno aveva presentato una proposta di suo impegno nell’allestimento e nella gestione di una terza serie di pontili e che veniva, qualora intrapresa, ad alleviare lo stato di necessità che si è protratto ben più a lungo del previsto causa l’ampio ricorso alla giustizia amministrativa esercitato nel frattempo dai contraenti. Alla fine delle esercitazioni legali, che hanno raggiunto il secondo grado di giudizio amministrativo, si è pervenuti all’obbligo da parte delle società di smantellare i pontili esistenti, facendo seguito anche alle ingiunzioni dell’Ente. Nella pratica, però, i pontili sono ancora in loco, inutilizzati.

L’intento dell’amministrazione è di velocizzare al massimo le procedure per le nuove gare riguardanti la concessione dei due specchi d’acqua interessati in precedenza. Per il terzo, superate le osservazioni pervenute dalla Capitaneria di porto e arrivati alla chiusura dei termini di manifestazione di interesse, al protocollo del Comune sono pervenute proposte da diverse aziende, oltre a quella acquisita agli atti del Comune il 5 luglio 2021 con successive integrazioni del 9 luglio da parte della società Catanzaro Servizi S.p.A. in persona dell’amministratore unico Rosario Munizza.