Quantcast

Ancora Riccio, “espone” in procura: altro sversamento, altro esposto foto

Il consigliere comunale di Catanzaro denuncia e documenta uno scarico abusivo sul Corace, lato Roccelletta, a pochi metri dal mare

Con una pec indirizzata alla procura di Catanzaro, il consigliere comunale di Catanzaro ha denunciato ancora una volta uno scarico fognario a cielo aperto e a mare vicino, anzi, vicinissimo. L’esposto, in simultanea, è stato recapitato per conoscenza a tutti i “portatori di interesse”: Arpacal, Capitaneria di porto, Carabinieri forestali, Unità operativa e sanità pubblica dell’Asp, Demanio marittimo regionale, prefetto, dipartimento salute Regione, commissario ad acta sanità, vigili urbani.

“In relazione alle cattive condizioni del nostro mare – scrive nel documento il consigliere Riccio a capo della Commissione consiliare Igiene del territorio su foglio intestato del Comune di Catanzaro – che, come segnalato in questi ultimi giorni da cittadini e turisti è risultato essere una vera e propria fogna a cielo aperto, si segnala la presenza di uno sversamento fognario sul fiume Corace, lato Borgia, a circa cinquanta/centro metri di distanza dal mare”.
“Come si evince dal report fotografico allegato – il riferimento è alle foto di cui forniamo anche qui qualche scatto – a pochi metri di distanza dal Corace, nel comune di Borgia (Roccelletta) e a pochi metri dal mare è presente una vasca di raccolta che confluisce le acque reflue in un pozzetto che vengono dirottate attraverso un canale nel fiume Corace nascosto da un canneto”. Per ognuna di queste “tappe” ingloriose Riccio allega foto numerate con relativa didascalia.

“Si resta, come sempre a disposizione di codesta autorità giudiziaria nonché delle autorità e uffici proposti preposti … istituzionalmente alla tutela del nostro mare”, termina il suo esposto con una punta di sospesa ironia Eugenio Riccio, consigliere comunale del Comune di Catanzaro.