Quantcast

Cropani, felice epilogo per 2 cuccioli abbandonati foto

Due cuccioli destinati a una triste fine hanno trovato fidati padroni e una casa calda. Luna e Gaia ora stanno bene

E’ successo a Cropani dove, la prima decade di Luglio, due piccoli cuccioli di colore bianco, forse maremmani, sono stati abbandonati in una stradina che conduce al mare.
Il posto è piuttosto frequentato nei mesi estivi e, probabilmente, chi se ne voleva disfare ha pensato bene che da lì sarebbe passato qualcuno a cui stanno a cuore gli animali.

Così è stato. Si è formato subito un nutrito capannello di persone, turisti e gente del luogo, che però non sapevano cosa fare dei due bellissimi cuccioli, quando qualcuno del luogo ha pensato di contattare la prof.ssa in pensione Gemma Cosco, persona notoriamente amante dei cani.
La professoressa come previsto, in considerazione che i cuccioli erano disidratati a seguito delle alte temperature di questi mesi e del pericolo di finire sotto qualche auto, non ha saputo sottrarsi alla responsabilità di portarseli a casa. Entrambi i cuccioli avevano un occhio visibilmente sofferente e richiedevano quindi cure veterinarie. Insieme a poche altre persone che hanno contribuito e alla disponibilità della veterinaria Ilenia D’Amico, i cuccioli sono stati curati, vaccinati e muniti di microchip, condizioni necessarie per poter essere adottati. Il passaparola che né è scaturito ha incrociato Viviana Rao, una volontaria che fa parte di una rete di volontariato finalizzata a trovare famiglie che sono intenzionate ad adottare un cane. Viviana si è subito attivata e ha trovato una famiglia di Modena, mentre Gemma Cosco ha trovato una signora di Torino che si è innamorata dell’altro cucciolo. I cuccioli, Luna e Gaia, muniti di tutti i certificati e di microchip, come previsto dal protocollo per l’adozione, oggi, 3 settembre 2021, alle 14, sono partiti per le loro famiglie di destinazione.

Come spesso capita, è il volontariato che deve sopperire al vuoto lasciato dalle istituzioni che, in tema di randagismo, non riescono a prevenire fatti come quello di Satriano”, scrivono alcuni dei volontari cropanesi.
Sembra un intreccio da film, è una storia vera scritta con inchiostro dell’umanità.