Quantcast

All’ITTS “E. Scalfaro” pronti per la ripartenza

Tutte le aule sono state dotate di monitor interattivi touch screen 65 pollici

Più informazioni su

Per tutta l’estate, quasi senza sosta, all’Istituto tecnico tecnologico “Ercolino Scalfaro” di Catanzaro – il cui dirigente scolastico è Vito Sanzo – si è lavorato alacremente per pianificare al meglio la ripartenza in vista del nuovo anno scolastico. Mancano ormai pochi giorni al suono della prima campanella e fervono i preparativi che riguardano il tanto atteso ritorno dei ragazzi fra i banchi dopo il lungo e difficile periodo caratterizzato dalla didattica a distanza che, a causa del Covid-19, ha tenuto gli studenti a casa, lontani dalle aule, dai laboratori, dagli ambienti formativi e associativi che sono il cuore pulsante della scuola. “Quest’anno la priorità – dichiara il dirigente Vito Sanzo, accogliendoci fra le mura del prestigioso istituto che dirige – sarà quella di garantire il più possibile ai nostri studenti una didattica in presenza, così come ci viene ampiamente raccomandato dal Decreto-Legge 111 del 6 agosto 2021 e dal Piano scuola 2021-22. Nonostante le grandi problematiche legate alla congerie di norme sulla gestione del green pass, al sovraffollamento delle classi, al nodo dei trasporti, all’organizzazione oraria in linea con le norme di prevenzione e contrasto della diffusione del virus Sars-Cov2, siamo pronti ad accogliere gli oltre 1300 studenti che il 20 settembre torneranno nella nostra scuola. Per loro, proprio durante l’estate – aggiunge con orgoglio il dirigente – abbiamo attrezzato tutte le aule della sede centrale dell’istituto di Monitor touch screen da 65 pollici che superano le tradizionali Lim, coniugando a quella di lavagna interattiva molteplici altre funzioni supertecnologiche per la condivisione, la collaborazione, la flessibilità, l’apertura degli ambienti di apprendimento.

Infatti – continua il dirigente Vito Sanzo – siamo molto fiduciosi che questo possa essere l’anno della ripresa anche di tutte le attività didattiche e scolastiche che per un anno e mezzo circa abbiamo dovuto erogare, purtroppo, in modalità surrogata e limitata: la didattica digitale integrata, nella necessità, si è dimostrata comunque una risorsa fondamentale per continuare a garantire ai ragazzi il diritto allo studio e all’istruzione e ha cambiato e rinnovato per molti aspetti il modo di insegnare e di studiare, arricchendo le metodologie didattiche e mettendo a disposizioni strumenti nuovi che servono a facilitare e a motivare gli apprendimenti. Ecco perché la didattica digitale anche in presenza non può più essere messa da parte, anzi deve essere tesaurizzata da docenti e alunni attraverso esperienze e pratiche didattiche che, grazie all’installazione di questi monitor, vogliamo rendere quotidiane ed implementare anche attraverso la formazione. Infatti, in queste prime settimane di settembre, fra le varie attività dipartimentali previste, un occhio di riguardo è stato dato anche alla formazione dei nostri docenti sui temi più cogenti della didattica digitale e sull’utilizzo di questi nuovi strumenti tecnologici che il nostro istituto mette da quest’anno a disposizione di ogni classe al fine di rendere effettivamente possibile e fruibile la tecnologia, realizzando a pieno quelle competenze specifiche digitali previste dall’Agenda 2030 per una cittadinanza consapevole e partecipativa.

“I punti interrogativi – ha concluso il dirigente Sanzo – a cui i decisori politici dovranno ancora rispondere per un avvio regolare e ordinato dell’anno scolastico sono tanti, ma con l’impegno e la dedizione profusi da tutta la comunità scolastica in sinergia, grazie anche alla speranza che la campagna vaccinale possa sempre più sortire buoni risultati nella lotta contro il Covid-19, la macchina organizzativa dello Scalfaro è pronta ad accogliere i suoi studenti per un nuovo anno che ci auguriamo possa essere ricco di progetti e risultati sempre migliori.

 

Più informazioni su