Quantcast

Accusato di violenza sessuale, assolto oggi perchè il fatto non sussiste

M.T. era stato rinviato a giudizio accusato di aver palpato una studentessa nel 2013

Il giudice per l’udienza preliminare  presso il Tribunale di Catanzaro ha  oggi assolto M.T. dal reato di violenza sessuale.
I fatti risalgono al 2013 quando, secondo l’iniziale richiesta di rinvio a giudizio, T.M, insegnate di religione, avrebbe palpato il seno di una studentessa all’epoca minorenne, durante la lezione.

Durante il processo l’imputato aveva scelto la definizione del procedimento penale nelle forme del rito abbreviato chiedendo di essere interrogato. Il suo interrogatorio si svolgeva all’udienza dello scorso 9 settembre durante la quale l’imputato negava categoricamente i fatti contestati.
Al termine di questa udienza il Giudice d’ufficio decideva di sentire anche la persona offesa.

L’esame della persona offesa avveniva all’udienza di oggi. All’esito il Gup invitava le parti a discutere.
Il pubblico ministero richiedeva l’assoluzione mentre la parte civile, difesa dall’avvocato Amendola, insisteva nella richiesta di risarcimento. L’avvocato Vitaliano Leone invece chiedeva l’assoluzione non ravvisando gli estremi per la condanna del suo assistito. Al termine della camera di consiglio, il Giudice Valenzi ha assolto l’imputato perchè il fatto non sussiste