Quantcast

Catanzaro, Conti Falluc: strada pericolosa per tutti i cittadini foto

Parcheggi selvaggi che impediscono la visuale della carreggiata, nessun controllo, nessun dissuasore di velocità, nessuna protezione

In pochi metri, dai semafori che da via Lucrezia della Valle portano su via Dei conti Falluc Catanzaro, fino alla scuola Mattia Preti, si concentra un agglomerato urbano fatto di quotidianità che dalla mattina alla sera viene messa a rischio dallo sfrecciare di auto che nel capoluogo di Regione, in quel tratto, credono di essere in un circuito di Formula 1.

Il limite di velocità è addirittura 30 Km/h con numerosi segnali, in questo preciso momento, di pericolo per uscita automezzi. La strada è disseminata di specchi parabolici per il traffico stradali, richiesti a più riprese dagli stessi residenti che hanno paura a causa della velocità con cui le auto percorrono la via principale ad uscire dai vialetti che oramai pullulano lungo la strada. Un tempo quella via era rappresentata dai residenti dei Palazzi Gatto e delle ville private che sono a ridosso delle scuole medie, ma oggi c’è una zona residenziale vera e propria che parte dalla zona del rifornimento carburante e raggiunge l’Istituto Comprensivo. Tutti lamentano la stessa situazione: parcheggi selvaggi che impediscono la visuale a destra e sinistra della carreggiata, nessun controllo, nessun dissuasore di velocità: “Gli specchi sono stati installati dietro enorme insistenza – spiega una cittadina residente lì – ma le nostre richieste di fare di più sono state tutte disattese. Il timore è per i nostri figli che escono la sera con le auto da questi vialetti e non riescono a vedere le macchine che ad alta velocità possono arrivare loro addosso”.

A far traboccare il vaso l’ultimo incidente che proprio a Conti Falluc ha coinvolto una donna in gravidanza. Quel giorno molti residenti, in pigiama sono scesi in strada, vista l’ora tarda, per paura che potesse trattarsi di qualcuno dei propri figli. Un infermiere che vive nel quartiere ha prestato anche i primi soccorsi.

“La questione qui – prosegue la signora – è il completo abbandono dell’amministrazione. Nemmeno il verde pubblico curano e l’erba è così alta da impedire la visuale. Basta guardare l’alveo della Fiumarella. Per non parlare delle tante persone che fanno attività fisica sul marciapiedi: dove sono le normali protezioni? Pensi che qualche giorno fa una macchina ha preso in pieno un gattino spezzandogli la schiena a metà. Abbiamo chiamato i vigili che gentilissimi sono intervenuti come per legge, ma non c’è stato nulla da fare. Se fosse stato un bambino? Questo è un quartiere residenziale. Questa non è una strada a scorrimento veloce come viale De Filippis, si va a 30, perché non mettere un dissuasore come è stato messo lì?”.

Di dissuasori, però, non si parla, anzi, le continue richieste anche di dossi sono state respinte perché, si sa, i dossi non possono essere più installati.

Giuseppe Costantino
Conti Falluc Catanzaro strada pericolosa Giuseppe Costantino

“Sono numerosi i problemi del quartiere Santa Maria – spiega Giuseppe Costantino – e via dei Conti Falluc non fa eccezione. Noi genitori, che poi siamo anche pedoni, ma facciamo anche corsetta quotidiana abbiamo un pericolo davanti a noi: un viale senza delineatori di carreggiata, senza guardrail che da anni è privo di un progetto di arredo urbano e tutto è campato in aria. Quello dell’altro giorno non è certo il primo incidente, né se continua così, sarà l’ultimo, aspettiamo che ci scappi il morto? Quando cammino sul marciapiedi senza protezioni ripeto sempre a mia moglie che preferisco cambiare strada viste le dinamiche degli incidenti. Al posto dell’albero spezzato, poteva essere troncata una vita umana e l’albero oggi è ancora lì”.

Qualcosa, però potrà pure essere fatto per impedire che a pochi metri da una scuola, a pochi metri dalla stazione dei carabinieri di Santa Maria, non si possa impedire alle auto di sfrecciare a 90/100 (se tutto va bene) Km/h.