Quantcast

Ex poliziotto denuncia le Poste e viene risarcito

Al centro della diatriba il ritardo di accreditamento di un assegno

Più informazioni su

Poste condannate a pagare 1800 euro perché accredita un assegno con due mesi di ritardo. Il tempo “utile” era, invece, di trenta giorni. Il fatto è accaduto a Catanzaro dove un ex poliziotto ha deciso di chiedere conto alle Poste del ritardo subito. A maggio l’uomo si reca ad una sede delle Poste della città per chiedere un parziale riscatto in quanto doveva sostenere delle spese urgenti.

“Solitamente – scrive il cittadino –  i tempi per ricevere l’accreditamento della somma richiesta,  o sul conto corrente o libretto postale, sono di 30 giorni. Poste Vita a Roma, invece, l’ha accreditato con un assegno  il 27 agosto, con circa 2 mesi di ritardo. Inutile i tentativi e gli interventi  preposti da parte  della succursale Posta di Catanzaro”. Da qui parte la denuncia.

“Hanno perso la causa con tanto di sentenza in mio possesso – incalza .G.P  – se avessi sbagliato a non pagare  io, o un’altra persona,  anche di un solo giorno di ritardo  avrebbero fatto pagare  i relativi interessi tramite l’ufficio preposto della riscossione Agenzia delle Entrate; avendo commesso   loro  errori hanno provato a  trovare  scusanti per svincolarsi, ma, ovviamente, non ci sono riusciti”.

Più informazioni su