Quantcast

Catanzaro, Mater Domini, per sindacati “non c’è meritocrazia”

Per Cisl Medici, Aaroi-Emac, Anaao-Assomed, Fassid-Sinafo "l'autocelebrazione del Commissario Straordinario appare sorprendente ed inquietante

“Non sono servite le molteplici sollecitazioni al Commissario Giuseppe Giuliano delle organizzazioni sindacali, Cisl Medici, Aaroi-Emac, Anaao-Assomed, Fassid-Sinafo, che esprimono oltre il 90% della rappresentatività sindacale aziendale, a dare seguito all’applicazione integrale dell’accordo decentrato sulla premialità 2019 approvato con delibera n. 534/2021, la cui attuazione risulta propedeutica e necessaria per l’avvio delle successive annualità 2020/2021.
La suddetta premialità è stata già corrisposta al personale non dirigente, il cosiddetto comparto, già nel mese di luglio determinando una inaccettabile sperequazione“. E’ quanto si legge in una nota congiunta dei sindacati.

“Ciò ha anche determinato – prosegue il comunicato – in base alle risultanze delle assemblee dei dirigenti medici e sanitari dell’Azienda Ospedaliera ‘Mater Domini’, la continuazione dello stato di agitazione della dirigenza medica e sanitaria.
In merito all’accordo siglato il 10 novembre tra il Commissario Giuliano e i due sindacati Cgil Fp e Uil Fp, che esprimono meno del 10 % della rappresentatività aziendale, occorre rilevare l’assenza delle valide premesse normative, come definite dai contratti nazionali di lavoro, che hanno indotto Cisl Medici, Aaroi-Emac, Anaao-Assomed, Fassid-Sinafo a non partecipare alla predetta riunione e successivamente a non aprire alcun tavolo sindacale con la parte pubblica.
Infatti, ritengono l’accordo siglato con Cgil Fp e Uil Fp irregolare sia per la metodologia adottata che nel merito, in quanto presenta evidenti erroneità e violazioni delle norme contrattuali nazionali“.

Per i sindacati “l’autocelebrazione sulla stampa del Commissario Straordinario, quindi, appare per tanti versi sorprendente ed inquietante. Dall’accordo non traspare alcuna ‘svolta epocale’ ed alcuna valorizzazione della ‘meritocrazia’, anzi lo stesso contrasta con i riferimenti contrattuali generali ed omogenei ai quali le aziende devono attenersi.
L’enfatizzazione dell’accordo coinvolge, poi, due sindacati quale la Uil Fp (solo territoriale e non aziendale) e la Cgil Fp, che appena 45 giorni fa aveva chiesto, in conferenza stampa, alla presenza di tutta la segreteria territoriale, di sollevare dall’incarico il Commissario Giuliano”.

Cisl Medici, Aaroi-Emac, Anaao-Assomed, Fassid-Sinafo si chiedono “‘cui prodest’ un accordo viziato da violazioni contrattuali, erroneità e future azioni giudiziarie? e perseguono il rispetto di norme e regole dettate a livello nazionale e l’esigibilità degli impegni assunti dall’Azienda, anche a dispetto di possibili difficoltà, e confermano il loro impegno a tutela della dirigenza medica e sanitaria”.