Quantcast

No alla violenza sulle donne: una panchina rossa a Cuturella di Cropani

Svelata ieri durante una cerimonia. L'iniziativa dell'associazione Come un raggio di Sole

Più informazioni su

    Anche l’Associazione “Come un Raggio di sole” di Cuturella insieme all’Amministrazione Comunale di Cropani, biasima senza perifrasi la violenza sulle donne. Una panchina rossa contro il femminicidio è stata svelata nella popolosa frazione di Cropani.

    Un segno, un monito contro la violenza di genere: quella palese, quella celata.
    Si legge in una nota stampa del sodalizio cuturellese: “ Quasi ogni giorno le pagine di cronaca raccontano episodi di violenza commessi nei confronti delle donne e purtroppo molto spesso con esiti drammatici, senza dimenticare che altrettanti sono i casi che non vengono portati alla conoscenza di tutti ma accadono ugualmente. Questa e una vera e propria piaga sociale, che affligge anche Paesi civilizzati come it nostro, e che tutte le istituzioni dovrebbero affrontare e cercare di fronteggiare, a partire dall’insegnamento ai più piccoli dei valori quali il rispetto e la dignità.

    Niente può giustificare la violenza, ne fisica ne psicologica, perche non dimentichiamo che talvolta le parole possono essere più dolorose di un gesto, creando un senso di inferiorità e inadeguatezza che invece non hanno alcun motivo di esistere. Ancora pia triste è la violenza che viene perpetrata nell’ambiente famigliare, domestico: l’uomo che maltratta, insulta o peggio ancora uccide la propria moglie, quella che avrebbe dovuto essere la compagna della vita, con cui si sarebbe dovuta creare una famiglia. Ed invece vengono spezzate delle vite, tolte all’affetto dei pia cari e talvolta proprio dei figli, che rimangono senza la propria madre e con un padre che e la causa di questa enorme ed insostituibile perdita.

    Abbiamo subito accolto l’idea di posizionare sul nostro territorio questa panchina rossa proprio nella speranza che non resti una “semplice panchina su cui potersi sedere” ma per il messaggio che porta, per ricordare, per far riflettere, per non dimenticare che la donna è importante, è un elemento cardine della nostra società, una madre, una moglie, una sorella, una lavoratrice, non è quel soggetto fragile da sottomettere ma merita rispetto, non può essere vittima di violenza, men che meno per gelosia o quant’altro, futili motivi che al contrario, a mio avviso, rendono l’uomo che compie quei gesti la parte debole e fragile.

    ” Hanno preso parte alla manifestazione il parroco don Valentino Cubello, gli assessori comunali Francesco Lepera e Vincenzo Commisso, il presidente dell’ODV “LP con te” Luigi Puccio, il presidente della Consulta Giovanile di Cropani Paolo Dragone insieme ad Antonello Fratto e Giovanna Rotella. Anche a Cropani borgo ha avuto luogo un’ importante iniziativa per dire no al femminicidio.

    Più informazioni su