Quantcast

Pagamenti a fornitori, Calabria migliora in puntualità ma resta penultima in Italia

L'indagine Studio Pagamenti Cribis. Catanzaro al 99esimo posto tra le province italiane

Più informazioni su

Nonostante sia la regione che fa segnare in assoluto l’incremento più elevato dei pagamenti puntuali (+10,6% rispetto a giugno), la Calabria, con il 22,9% di imprese che pagano alla scadenza i propri fornitori, è al penultimo posto della classifica italiana stilata dallo Studio Pagamenti di CRIBIS, aggiornato al 30 settembre 2021.

Rispetto al trimestre precedente, i pagamenti effettuati con ritardi superiori ai 30 giorni sono scesi dal 22,1% al 19,8%, con una variazione del -10,4%: un dato che colloca la Calabria fra le regioni dove i pagamenti in grave ritardo sono diminuiti più che altrove, preceduta solo da Friuli – Venezia Giulia (-10,9%) e Trentino – Alto Adige (-11,1%). Malgrado questo, la Calabria è, alle spalle della Sicilia, la seconda regione a detenere il primato negativo per i pagamenti in grave ritardo.

Cosenza è la provincia calabrese che fa segnare la crescita più elevata di pagamenti alla scadenza (+16,7%), mentre Vibo Valentia è quella che registra il maggior decremento di pagamenti in grave ritardo (-15,6%), seguita da Crotone (-12%).

Per quanto riguarda la classifica delle province, in Calabria la migliore è Cosenza (91°), seguita da Vibo Valentia (95°), Catanzaro (99°), Crotone (104°) e Reggio Calabria (106° e penultima in Italia). Rispetto a giugno 2021, Cosenza e Vibo guadagnano 4 posizioni, Catanzaro ne perde una, restano stabili Reggio e Crotone.

Più informazioni su