Quantcast

Operazione Drug family, ai domiciliari Natascia Paparazzo coinvolta nell’indagine

Era in carcere. Il tribunale (presidente Arianna Roccia, a latere Sara Merlini e Sara Mazzotta) ha accolto con ordinanza le tesi dell’avvocato Sergio Lucisano

Passa dal carcere agli arresti domiciliari la 31enne Natascia Paparazzo, detta Occhia nera, coinvolta nell’operazione “Drug Family” con cui i carabinieri, con il coordinamento della Dda, hanno smantellato un fiorente mercato della droga nel quartiere Aranceto di Catanzaro.

Il tribunale (presidente Arianna Roccia, a latere Sara Merlini e Sara Mazzotta) ha accolto con ordinanza le tesi dell’avvocato Sergio Lucisano, difensore dell’indagata, che ha proposto appello contro l’aggravamento della misura disposta dal gip il 13 novembre scorso perché, mentre era sottoposta ai domiciliari, era risultata assente ai controlli della Squadra Volante presso la sua abitazione.

Il collegio ha infatti ritenuto verosimili le motivazioni con cui la difesa ha giustificato il fatto che Paparazzo non abbia sentito suonare il citofono né bussare alla porta di casa.