Quantcast

Imponimento, 66 condanne, 4 assoluzioni e una posizione stralciata

Contro le cosche Anello e Fruci di Filadefia, attive dal territorio Vibonese a quello Lametino

Più informazioni su

Sessantesei condanne da 20 a un anno di reclusione, quattro assoluzioni e una posizione stralciata. Questo il bilancio della sentenza nel processo, con rito abbreviato, denominato Imponimento. Un procedimento istruito dalla Dda di CATANZARO contro le cosche Anello e Fruci di Filadefia, attive dal territorio Vibonese a quello Lametino, che ha interessato non solo altre famiglie di ‘ndrangheta gia’ note come, ad esempio, i Bonavota, Cracolici o Lo Bianco- Barba, ma anche avvocati, imprenditori, esponenti delle forze dell’ordine e funzionari che, nel corso degli ultimi anni, avrebbero agito per favorire il clan di Filadelfia.

Sono stati condannati entrambi a 20 anni di carcere Rocco Anello e Giuseppe Fruci, i due boss dell’omonima cosca di ‘ndrangheta attiva nel territorio  di Filadelfia. Stessa pena anche per Vincenzino Fruci, fratello di Giuseppe, e per Nicola Antonio Monteleone. Le persone coinvolte nell’inchiesta, coordinata dalla Dda di CATANZARO guidata da Nicola Gratteri – rappresentata in aula dai pm Antonio De Bernardo e Chiara Bonfadini -, sono accusate, a vario titolo, di associazione mafiosa, associazione dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti, riciclaggio, fittizia intestazione di beni e corruzione, tutti aggravati dalle modalita’ mafiose.

Tra i condannati dal gup Vittori Rinaldi, anche l’avvocato e imprenditore Vincenzo Renda e il finanziere Domenico Bretti, rispettivamente a 4 anni e 10 mesi e 12 anni.
Tra le condanne, anche quelle emesse nei confronti dei collaboratori di giustizia Giovanni Angotti (4 anni), Salvatore Danieli (un anno) e Francesco Michienzi (2 anni e 8 mesi).

Più informazioni su