Quantcast

Annullato concorso Vigili Urbani Catanzaro, Fp Cgil chiede spiegazioni

Lettera dell'organizzazione sindacale al sindaco di Catanzaro

Abbiamo appreso  dalla stampa – scrive la Fp Cgil e in particolare Phaedra Martino     RSU Fpcgil e   Franco Grillo Segretario generale Fpcgil Area Vasta – della revoca del concorso per vigili urbani posto in essere da questa Amministrazione Comunale.

Oltre a chiedere di renderci edotti sulle motivazioni che vi hanno indotti a tale scelta –  sottolineano in una lettera indirizzata al sindaco di Catanzaro, la scrivente Organizzazione sindacale intende porre l’accento sulla grave carenza di personale che attanaglia la Polizia Locale di Catanzaro da anni, non da ultimo il pensionamento del suo Comandante.

A fronte di un aumento delle competenze della Polizia Locale che si vede impegnata anche in attività di controllo nuove, scaturite a seguito della pandemia covid-19, quella dell’Amministrazione si configura come una scelta incomprensibile che va ad incidere pesantemente sulla organizzazione e sulla qualità del lavoro svolto dagli operatori, ma anche, in egual misura negativa, sui servizi resi alla collettività intera.

Anche per altre figure tecniche del Comune ad inizio anno, i concorsi per le nuove assunzioni sono stati banditi ma poi non è stato dato avvio alle procedure concorsuali. Di contro per le figure amministrative si paventa uno scorrimento dalle graduatorie mantenendo stabile il rapporto tra pensionamenti e nuove assunzioni nelle aree interessate.

Lo stesso rapporto non puo’ essere così differente rispetto a quello delle aree tecniche, in particolare, nella Polizia Locale in cui, a fronte di 180 unità previste per legge, attualmente prestano servizio servizio circa 50 unità di cui molti in età vicina al pensionamento o con prescrizioni per le quali l’impiego in attività esterna è limitato.

Per tali ragioni riteniamo sia urgente procedere ad una rivisitazione delle decisioni assunte e a voler convocare con urgenza un incontro tra le parti per una discussione di merito”.