Catanzaro, clinica Sant’Anna ancora nei guai insieme a dirigenti dell’Asp

La Corte dei Conti ha deciso di procedere in giudizio il sospetto è di un danno erariale per circa 17.6 milioni di euro

Appena ricevuto l’Ok dall’Asp di Catanzaro per il riavvio delle attività mediche e amministrative, ci sono ancora guai per il Sant’Anna Hospital. La Corte dei Conti, infatti, ha deciso di procedere in giudizio nei confronti della clinica per capire se c’è stato o meno danno erariale di 17,6 milioni di euro.

La Procura indagherà sull’operato di alcuni dirigenti dell’Asp relativamente ad alcuni crediti che il Sant’Anna vantava nei confronti dell’Azienda sanitaria catanzarese e che ha ceduto ad una società di riscossione crediti terza.
Per la Corte dei conti alcuni non sarebbero dovuti, precisamente quelli relativi alle prestazioni “extra-budget svolte nelle annualità 2004 e 1995-1996, nell’ambito del rapporto convenzionale in essere con l’Asp di Catanzaro, e si fondano su pretese infondate in quanto già saldati dall’Asp o non dovuti perché non validati e non riconosciuti dalla stessa Asp”. La prima udienza è fissata a luglio.