Quantcast

Magisano: sciolto consiglio, parlano gli ex amministratori

Tre giorni fa le dimissioni di sei consiglieri

Più informazioni su

Dopo lo scioglimento del consiglio comunale di Magisano  per dimissioni di consiglieri di maggioranza e minoranza, non si fa attendere l’inequivocabile  presa di posizione dell’ex  primo cittadino Fiore Tozzo e della ex vice sindaca, appena  nominata,  Concetta Costantino.

I due amministratori di Magisano biasimano  la scelta dei consiglieri dimissionari di maggioranza e le reprimende non le mandano a dire.

Non usa giri di parole l’ex sindaco Fiore Tozzo: “Se il 10 giugno abbiamo scritto una delle pagine più belle della storia della nostra comunità riscattandola da quello che era un vero e proprio sistema, adesso, 23 Febbraio 2022,  alcuni consiglieri di maggioranza hanno ben pensato, secondo il loro agire politico e secondo la loro responsabilità di amministratori, di dimettersi lasciando il Comune di Magisano, di nuovo, in una situazione veramente triste. Da premettere che ex vicesindaco il signor Francesco Alberto lo è diventato con un decreto a firma del sindaco e non a seguito delle sue dimissioni.

Questa  la vera e reale motivazione delle sue dimissioni e non il malessere del “dualismo” Tozzo – Costantino.  Parla di spaccature, parla di divisioni, allora la domanda che ci viene spontanea è perché non avesse consegnato le sue dimissioni prima invece ce le siamo ritrovate a ridosso della firma del decreto di nomina di Vice Sindaco all’assessore Costantino? Se non ci fosse stato  interesse per se e stavamo facendo il bene del popolo seppur in due dove era il motivo delle dimissioni?  Ovviamente  di questo ne parleremo insieme pubblicamente.  Onestamente per quello che è stato, per tutto quello che si è fatto e per il tempo che ininterrottamente ha dedicato al Comune di Magisano il vice sindaco, a tutti gli effetti, da sempre è stata Concetta.

Ovviamente impegnarsi per una comunità con serietà,  responsabilità e collaborazione in maniera assidua rinunciando a se stessi per alcuni diventa una colpa. Si lascia un comune allo sbaraglio, nonostante i molteplici sacrifici fatti per gestire le tante problematiche che si sono susseguite nel corso degli anni e che sono andate sempre ad aumentare quale il medico, poste, la scuola, il terremoto, il covid, problematiche a cui tanti non hanno mai preso parte. Tante le iniziative  che avevamo intrapreso, ma che grazie al gesto dei  tre  consiglieri di maggioranza dimissionari potrebbero rimanere incompiute. La cosa ancora più grave in tutta questa situazione è stata ricevere questa doccia fredda in un momento delicato e particolare per me e per la mia famiglia ossia la positività al Covid-19.”

Sulla stessa linea anche l’invettiva di Concetta Costantino: “ Onestamente non ho granché da commentare al gesto fatto dai consiglieri di maggioranza. Un  gesto fatto da persone quasi fantasmi  nell’agire amministrativo della legislazione Fiore Tozzo, persone che predicano il bene comune, ma che nella realtà non hanno mai mosso un dito per promuovere il bene della comunità, probabilmente perché per  quattro  anni ha fatto comodo un po’ a tutti avere una “Concetta tutto fare” all’interno dell’amministrazione.  L’unica cosa che mi sento di dire che sono fiera e orgogliosa di aver letto nella loro lettera di dimissioni di essere stata “dualista politica” accanto a un uomo onesto,  leale  e pieno di principi ricco di valori come Fiore Tozzo piuttosto che una consigliera comunale dimissionaria accanto ai nomi di Francesco Alberto,  Patrizio Elia e Antonio Procopio.”

Solo pochi giorni fa, l’ex sindaco Fiore Tozzo ha nominato Concetta Costantino come pro sindaca al posto di Francesco Alberto: subito  dopo le dimissioni di tre consiglieri di maggioranza e altrettanti esponenti  di minoranza.

Ora per  Magisano è tempo di commissario.

Più informazioni su