Quantcast

Covid Catanzaro 2020-2022-Forze dell’ordine argine e filtro per effetti “collaterali” della pandemia

Carabinieri e Polizia hanno svolto, nei due anni trascorsi, un ruolo sociale oltre a quella che è la loro funzione istituzionale

I carabinieri hanno portato le pensioni a casa degli anziani che erano costretti a rimanere, a volte isolati, nei loro appartamenti lontani dai loro affetti. I poliziotti hanno acquistato medicinali a qualche straniero indigente che aveva telefonato al 113 per chiedere aiuto. Hanno evitato le truffe ai danni di chi davvero aveva bisogno di quei fondi stanziati per tamponare la catastrofe dell’emergenza economica e sociale causata dal Covid. E hanno fatto tutto questo mentre indossavano fieramente le loro divise, mentre contemporaneamente erano chiamati a far rispettar regole che cambiavano di giorno in giorno, quando non anche di ora in ora.

Sono le donne e gli uomini del Comando provinciale dei Carabinieri di Catanzaro, agli ordini del Colonnello Antonio Montanaro, i poliziotti della Questura di Catanzaro, guidata dal Dirigente generale Maurizio Agricola, che una volta di più hanno dimostrato di essere lo Stato, quello in carne ed ossa presente sul territorio, per reprimere certo, controllare, ma anche per prevenire e stare il più vicino possibile ad una popolazione che è stata prima travolta da un fenomeno del tutto sconosciuto e poi tramortita dagli effetti>

Vicequestore Giacomo Cimarrusti :Approfondita ancor di più la conoscenza del territorio. Cittadinanza catanzarese collaborativa

E ora, al giro di boa, si spera definitivo, di questa pandemia e delle conseguenze che ha portato, la popolazione si appresta a tornare alla normalità e lo fanno anche le forze dell’ordine, a cui questo periodo, come ha sottolineato il dirigente dell’Upg-Sp Squadra Volante della Questura di Catanzaro, vicequestore Giacomo Ciamarrusti, è servito anche per conoscere di più il territorio di competenza creando così un bagaglio esperenziale da mettere a frutto e a servizio della comunità. Secondo il dirigente la città di Catanzaro ha retto bene in termini di resistenza e la cittadinanza si è mostrata collaborativa e non del tutto refrattaria a seguire le regole imposte nelle varie fasi della pandemia.

Capitano Felicia Basilicata:  Aumentate le truffe on line e le violenze in famiglia. Diminuiti i reati predatori

Il capitano Felicia Basilicata, alla guida del nucleo operativo radiomobile della Compagnia dei Carabinieri di Catanzaro, ha evidenziato come, nel periodo pandemico sia ambiata la natura dei reati. Sono diminuiti quelli che vengono classificati come predatori, ma di contro sono aumentate le truffe on line e le violenze in famiglia che, ha detto il capitano Basilicata, sono anche state denunciate in maniera più repentina che nel periodo pre covid.

Colonnello Antonio Montanaro : Le denunce tempestive hanno permesso di porre fine agli odiosi reati usurai

La crisi economica ha inevitabilmente aumentato il rischio che gente senza scrupolo, abbia approfittato delle situazioni di difficoltà. Sono infatti aumentati i casi di prestiti usurai concessi da persone che, per i loro traffici illeciti, hanno avuto disponibilità di liquidità. Anche in questo caso, ha sottolineato il Colonnello Antonio Montanaro, la denuncia delle vittime ha aiutato i militari dell’arma a fermare lo sciacallaggio perpetrato ai danni di persone disperate e disposte a tutto.

Questore Maurizio Agricola: Il sacrificio del personale impegnato ha fatto la differenza per la tenuta democratica e sociale

Il sacrificio del personale impiegato in prima linea, ha sottolineato il Questore Maurizio Agricola, ha fatto la differenza per la tenuta democratica e di convivenza sociale che il virus ha messo a dura prova.

La scorta ai vaccini e l’hub vaccinale a disposizione della popolazione. Le cose ed i momenti che nessuno dimenticherà

Ci sono stati poi dei momenti che, chi è stato impegnato in prima linea a fronteggiare le conseguenze sociali della pandemia, non potrà dimenticare.

Per il capitano Basilicata resterà indelebile nella sua mente la data del 27 dicembre 2020, giorno in cui arrivarono le prime scorte di vaccino a Catanzaro, mentre il questore Maurizio Agricola ha sottolineato l’impegno profuso per allestire un punto vaccinale all’esterno del commissariato di Lamezia, da rendere disponibile a tutti i cittadini così da consentire un alleggerimento della pressione sulle strutture ospedaliere.

Catanzaro città collaborativa

Per tutti il bilancio, in merito alla risposta alle regole che la città di Catanzaro ha dato, è stata positiva. Le infrazioni sono state gestibili e gestite e laddove necessario si è fatta un’ampia campagna di sensibilizzazione proprio per evitare di arrivare a comminare sanzioni.
Vite e storie che si sono intrecciate, un cordone ideale che le forze dell’ordine hanno creato ponendosi come argine e filtro rispetto a quella situazione che nessuno si sarebbe mai aspettato di vivere. Le loro vite e le loro storie di donne e uomini dello Stato, quello Stato democratico e di diritto  che sa materializzarsi  in carne ed ossa.

Fine 2 continua