“Querele temerarie”: Sposato(Cgil), sanno di censura

"No a prevaricazioni e arroganza per fare pressione"

Più informazioni su

“Condivido e sostengo l’appello e le preoccupazioni di molte testate giornalistiche importanti calabresi sulla libertà di stampa e la libera espressione. Le querele temerarie che molte volte si intentano contro giornalisti indipendenti e le loro testate hanno il sapore della censura e della deterrenza contro la libertà di stampa”. A sostenerlo è Angelo Sposato, segretario generale della Cgil Calabria.

“Una prevaricazione e atteggiamento di arroganza e di forza che viene esercitata – afferma Sposato – per fare pressione a professionisti, il più delle volte giovani giornaliste/i e pubblicisti freelance pieni di passione e che meriterebbero maggiore valorizzazione e contratti dignitosi. Per queste ragioni serve un quadro normativo che recepisca in pieno l’articolo 21 della nostra costituzione e soprattutto in Calabria e nelle regioni del sud, dove la lotta alla criminalità, alla corruzione ed alla ‘ndrangheta è fondamentale, garantire l’agibilità e la libertà di stampa è assolutamente necessario ed imprescindibile”.

“La ‘ndrangheta, la politica malsana e pezzi della società corrotta – conclude il segretario generale della Cgil Calabria – vorrebbero il silenzio e noi non lo dobbiamo consentire”.

Più informazioni su