Aloisio: “Falsi messaggi hanno ridotto l’Italia alla povertà energetica e ai costi eccessivi”

"Da molto tempo lotto contro falsi ambientalismi e procedure autorizzative lunghe e faticose aggravate"

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo:

Ma ci voleva la guerra per renderci conto degli errori gravissimi fino ad ora posti in essere in materia di ambiente ed in particolare in materia energetica?

Dall’anno 2001, nella mia qualità di sindaco del Comune di San Sostene e di Presidente dell’Unione dei Comuni Versante Jonico per molti mandati e come avvocato specialista in materia ambientale, lotto contro falsi ambientalismi e procedure autorizzative lunghe e faticose aggravate, a volte, dalla mancanza di una visione concreta dei veri valori di rispetto dell’ecosistema e del paesaggio. In questo contesto temporale attuale emergono problematiche che sono state trascurate in passato a livello nazionale e regionale in Calabria. Ci si accorge finalmente che l’Italia ha potenzialità per rendersi autonoma in materia energetica sfruttando le proprie risorse naturali. Si sbloccano ora ben sei parchi eolici che si aggiungono ad altri parchi sbloccati nel mese di febbraio. Il governo italiano finalmente si accorge della necessità di dare una spinta immediata alla realizzazione di impianti di produzione energetica da fonti rinnovabili, ma anche a livello europeo c’è un’accelerazione, in questo periodo, a favore dello sfruttamento delle risorse inesauribili che la natura ci dona.

In alcune città italiane i sindaci dispongono la diminuzione di uno/due gradi del riscaldamento in edifici pubblici e intervengono con altre misure rigide per razionalizzare il consumo di gas e energia elettrica, ma, ripeto, doveva esplodere una guerra per fare comprendere gli errori passati?

Chi, come me, ha sostenuto come amministratore pubblico e professionista, la tutela ambientale e le energie rinnovabili non ha mai voluto impianti inutili e improduttivi, indicando, invece, con la esperienza acquisita sul campo, le linee guida per una corretta diffusione degli impianti di produzione da fonti rinnovabili. Purtroppo, invece, falsi ambientalismi e falsi messaggi diffusi hanno ridotto l’Italia ad una povertà energetica ed a costi eccessivi. Speriamo di non sentire più racconti senza fondamento per stimolare paure nelle cittadinanze dei Comuni interessati, che hanno ora fatto pagare un costo drammatico a tutta la popolazione italiana e, per quello che ci riguarda, calabrese.

Avv. Luigi Aloisio

Sindaco di San Sostene

Più informazioni su