Quantcast

Montepaone, bufera sul servizio mensa: “Porzioni a metà”

I genitori protestano rifiutandosi di usufruire del servizio. Le porzioni dimezzate sono state servite agli alunni della scuola primaria

Menù non rispettati, scarsa quantità di cibo e poca varietà di alimenti. I genitori degli alunni che frequentano i moduli a tempo prolungato dell’Istituto Comprensivo di Montepaone, lamentano da tempo le modalità con cui si porta avanti il servizio mensa e chiedono un intervento risolutivo al Comune.

“Spesso i menù – spiegano i genitori rappresentanti del Comitato mensa – non seguono il calendario stilato dal nutrizionista e i cibi presentati non sono sempre appetibili per i bambini. A questo disagio, già segnalato da mesi, però si è aggiunto la mancata rotazione di alcuni alimenti tra cui la frutta e ora anche il dimezzamento delle porzioni. Emblematico il servizio di lunedì 22 marzo in cui ai bambini è stato servito uno scarso quantitativo di pasta e insalata verde (contorno quasi sempre servito per accompagnare qualsiasi secondo) e metà cotoletta di pollo, in un giorno in cui era previsto, nel menù stilato dall’azienda sanitaria provinciale, pollo al forno con patate.

La frutta è stata poi servita con quasi un’ora di ritardo rispetto al pasto; quando i bambini avevano già ultimato l’ora dedicata al pranzo. Da mesi i bambini manifestano insoddisfazione e fame, e molti si nutrono praticamente esclusivamente con il panino servito con i pasti. Una situazione non più tollerabile a fronte di un servizio regolarmente pagato dalle famiglie che non rispetta il capitolato siglato dal Comune di Montepaone a cui chiediamo a questo punto un intervento immediato. Già da oggi in segno di protesta non abbiamo consegnato i buoni pasto e continueremo a farlo finché non verrà ripristinato un livello apprezzabile in un servizio essenziale per il benessere dei nostri figli”.