Quantcast

Erasmus+, approvato il progetto dell’ITE Grimaldi-Pacioli

I partner saranno: Osnovna skola Dobrise Cesarica, Zagreb ( Croatia) e Xano Channel asociación para el desarrollo comunitario, Valencia ,Region Comunidad Valenciana (Spain)

Più informazioni su

L’ITE Grimaldi-Pacioli, diretto dalla prof.ssa Grazia Parentela, si è visto approvare dalla Commissione Europea un interessante e innovativo progetto di formazione: Experimenta, a community-based approach to STEM education (KA210-SCH) programma ERASMUS+ europeo valido  dal 01-03-2022   al 01-07-2023.

La scuola si trova alla sua prima partecipazione nell’ambito del programma Erasmus+. Il progetto si inserisce nella strategia di internazionalizzazione  all’interno delle aree strategiche del PTOF  – Limitazione dispersione scolastica: per il miglioramento delle performance degli allievi nelle materie STEM – Orientamento: per garantire una scelta consapevole del percorso di studi post-diploma, in particolare nell’ambito STEM. – Innovazione Tecnologica: innovazioni didattiche e certificazioni, per garantire la diffusione della cultura scientifica tra docenti, studenti e staff. – Internazionalizzazione: promuovere l’armonizzazione tra consapevolezza dell’identità socio-culturale di appartenenza e apertura verso nuovi contesti nazionali/internazionali.

L’I.T.E Grimaldi-Pacioli è riuscito ad aggiudicarsi questo prestigioso progetto in quanto ha già attivato da circa due anni  un percorso innovativo per competenze trasversali e di orientamento dal titolo “Economia e Trasformazioni Digitali” che vede, per la prima volta in Italia, una scuola superiore diventare incubatore di 10 startup in collaborazione con l’Università della Sapienza, l’U.M.G. di Catanzaro, l’UNICAL di Cosenza e l’Università di Genova, imprenditori e startup (Teseo). Docenti universitari, esperti del mondo del lavoro e dell’impresa, hanno garantito un’intesa attività propedeutica di approfondimento su temi quali: economia digitale, green economy, economia legale e silver economy. Alla luce di quanto fatto, anche nei mesi futuri, la scuola sarà  protagonista di un movimento innovativo che coinvolgerà studenti e docenti.

Il progetto combinerà approcci pratici per promuovere l’apprendimento STEM basato sul principio di “Open schooling”, che si realizza attraverso la collaborazione tra la scuola e la comunità locale. Secondo questo principio, la scuola è connessa con il territorio che la circonda ed è capace di intercettare i bisogni e i possibili contributi della comunità locale. Gli studenti forniscono dunque un contributo vitale alla società che li circonda: i progetti degli studenti soddisfano i bisogni reali della comunità e allo stesso tempo la rete locale contribuisce all’educazione dei più giovani attraverso le proprie esperienze e competenze

L’obiettivo generale del progetto è quello di promuovere un approccio olistico alle materie STEM, basato sull’apprendimento empirico, la peer education e sul coinvolgimento della comunità locale nel processo di educazione dei giovani allo scopo di migliorare l’offerta educativa per le scuole nel campo delle STEM, attraverso la definizione di strumenti pratici e lo scambio di buone pratiche da diversi paesi dell’UE e fornire ai docenti gli strumenti utili per facilitare la sperimentazione della metodologia EXPERIMENTA all’interno dei propri contesti scolastici oltre a  migliorare le competenze di conoscenza e le abilità degli studenti nelle materie STEM attraverso un approccio pratico e basato su progetti e sulla peer education promuovendo  il protagonismo dei ragazzi lo sviluppo di comunità di pratica sull’educazione STEM a livello locale, creando un modello replicabile in tutti i paesi europei.

I partner di progetto saranno due: Osnovna skola Dobrise Cesarica, Zagreb ( Croatia) e Xano Channel asociación para el desarrollo comunitario, Valencia ,Region Comunidad Valenciana (Spain).

Presso le due scuole ossia il Grimaldi-Pacioli e Cesarica  sarà sperimentata la metodologia “Experimenta” e un’associazione di insegnanti (XANO) evidenzierà le necessità formative dei docenti e potrà moltiplicare gli effetti della formazione e della sperimentazione nel territorio spagnolo.

“Con Erasmus Plus al Grimaldi Pacioli il futuro è adesso. Siamo convinti che gli approcci educativi innovativi segneranno il passaggio dal vecchio insegnamento a nuove strategie moderne, interattive, sociali e collaborative. L’obiettivo principale di questo partenariato strategico è quello di sviluppare le competenze trasversali al fine di promuovere la leadership in materia di istruzione secondaria. Di sviluppare strategie chiare di impegno alla cooperazione transnazionale ed internazionale dell’istruzione e generare una comunicazione efficace a livello linguistico e scientifico-tecnologico”.

Più informazioni su