Quantcast

Boschi Puliti e CorviAmo: Rete e rinascita per il quartiere Corvo

Diverse le iniziative ecologiche da parte dell'associazione Boschi Puliti sempre più attiva nella difesa dell'ambiente

Più informazioni su

Terza tappa del Tour ecologico 2022 dell’associazione Boschi Puliti, stesso tipo di rifiuti da raccogliere: in Via Brigata, la situazione è simile a quella che si è presentata le scorse volte, con cartacce e immondizia nascosta nella natura.

Un’altra cosa che non è cambiata, però, è la forza di volontà dei presenti che, con impegno e grinta, hanno iniziato a prendere le buste per raccogliere i rifiuti visibili e poi, con cura, a cercare oltre, con minuziosità, tra l’erba e le piante.

A ripulire, stavolta non vi erano solo i membri di Boschi Puliti: infatti, l’associazione impegnata nella raccolta dei rifiuti nei Boschi è stata chiamata ad aiutare il comitato di CorviAmo, e grazie al loro aiuto, si è riusciti a fare qualcosa di più per il quartiere del Corvo.

“È grazie a Boschi Puliti – si legge  nella nota –  che, infatti, si sta migliorando la realtà catanzarese, proponendo giornate educative di sensibilizzazione in diversi luoghi, come la pineta di Siano e quella di Giovino, non ultima la giornata a Via Brigata.

Grandi passi avanti, nella direzione giusta per fare qualcosa di concreto, dove tutti hanno la possibilità di aiutare, anche gli studenti e le studentesse delle scuole, che partecipano al progetto di alternanza scuola-lavoro, dall’Istituto superiore Giovanna De Nobili.

Ma non è finita qui Boschi Puliti è anche rinascita infatti, in seguito al successo del primo albero piantato, dopo il “Clean up and Trekking Day”, tenutosi nella pineta di Siano, anche la giornata di Via Brigata si è conclusa piantando un piccolo albero, ancora in fase di crescita.

Sembra quasi il naturale proseguimento di una tradizione in fase di avvio, che diventa un simbolo di speranza. L’albero riporta, affisso vicino a sé, una frase emblematica, col logo dell’associazione: “Se le persone che vivono in un territorio non fanno nulla per difenderlo, quel territorio rischia di scomparire!”

Un’eccellente conclusione per una giornata che ha portato molti risvolti positivi, che si spera continueranno ad arrivare anche nei prossimi eventi del tour, di cui il successivo sarà tenuto il 28 maggio, ritornando alla pineta di Giovino.

Più informazioni su