Quantcast

Uno dei migliori pizzaioli di Sydney? E’ partito da Catanzaro

Ha da poco inaugurato il suo locale in cui propone un format innovativo, gustoso ed eco-consapevole

In una “zona in” di Sydney è stata da poco aperta una pizzeria che propone ai suoi clienti un format del tutto innovativo e gustoso, il pizzaiolo, per dirla tutta, è uno dei migliori della città. Sull’insegna si legge “Tipo 00” e basta entrare al suo interno per conoscere il proprietario, nonché head pizza chef, per scoprire che pochi anni fa è partito alla volta dell’Australia proprio da Catanzaro.  Gianluigi Di Sarno, che nel quartiere Lido tutti conoscono come Gigi, lo stesso appellativo con cui affettuosamente lo chiamano oggi anche i suoi clienti in Australia, ha deciso di lasciare Catanzaro, la città in cui ha vissuto per circa trent’anni, per trasferirsi nel lontano continente insieme a sua moglie Cecilia.

Oggi Gianluigi ha realizzato il sogno di aprire un locale tutto suo a Sydney per rendere felici gli amanti del piatto italiano per eccellenza, unendo i sapori locali con quelli della sua terra d’origine in modo eco-consapevole. Ma la strada per arrivare a questo straordinario traguardo non è stata semplice. Per Gianluigi e per Cecilia le sfide e gli impegni in questi anni sono stati tantissimi, ma possiamo dire che ne è valsa la pena.

2013: bagagli pronti, si parte per l’Australia

“Nel 2011 ho preso un anno sabbatico per andare a trovare mio padre che viveva in Australia – ha raccontato Gianluigi – in quell’anno la mia vita è completamente cambiata, il mio modo di pensare ha avuto una grande evoluzione, ho scoperto nuovi modi di approcciarmi alla vita grazie alle conoscenze multietniche che ho fatto, è stata un’esperienza che mi ha cambiato completamente.  Finito l’anno sono tornato in Italia con tante idee nuove e tanta voglia di fare, ma dopo diverse delusioni e con il pensiero sempre rivolto all’Australia ho deciso di cambiare vita, a maggio 2013 mi sono sposato con la mia fidanzata, abbiamo fatto i bagagli, ed insieme siamo partiti per l’Australia.”

Le opportunità si susseguono, la passione cresce e la svolta arriva

Gianluigi e Cecilia hanno iniziato a lavorare quasi da subito. Lui come cameriere in un ristorante italo-australiano, lei per un anno si è impegnata nello studio della lingua, lavorando prima come cameriera e poi come educatrice di asilo nido dopo aver frequentato un corso. Ma nel lontano continente le opportunità per i due si sono create giorno dopo giorno, sacrifici su sacrifici: “Tutto d’un tratto mi hanno proposto di dare una mano in cucina come pizzaiolo, essendo la paga molto più alta mi sono buttato a capofitto in questa nuova esperienza – ha proseguito Gianluigi –  posso dire che da subito ho capito di avere una passione innata per la cucina, così in un anno ho fatto passi da gigante e ho deciso di crescere ancore come pizzaiolo. Nel 2016 ho lavorato in tante pizzerie per accumulare esperienza, fino a quando mi ha notato un grande chef australiano, Monty Koludrovich, che mi ha offerto un posto come aiuto pizzaiolo in un ristorante che stava per aprire. Questa è stata la svolta!”

L’opportunità di lavorare con grandi nomi della ristorazione australiana ha permesso a Gianluigi di imparare i loro segreti, divenendo head pizza chef di uno dei più importanti ristoranti di Sydney. Nel frattempo, Cecilia, che a Catanzaro aveva conseguito la Laurea in Ostetricia, invece, ha deciso di iscriversi all’università per conseguire la laurea in Scienze Infermieristiche e, nonostante la nascita del loro primo figlio, è riuscita a laurearsi e a cominciare da subito a lavorare in una clinica, dove nei mesi del Covid ha gestito le vaccinazioni.

 

Il format innovativo della pizzeria: menù piccolo ed elaborato

Da quel lontano 2013 di tempo ne è passato ma l’audacia e l’impegno dei due giovani italiani è stata ripagata con tante soddisfazioni e l’inaugurazione di “Tipo 00”, un traguardo importante per entrambi: “Dopo nove anni di esperienza mi sono reso conto che ero pronto, ho trovato un piccolo locale in una zona benestante della città ed il 20 aprile 2022 ho aperto la mia pizzeria – ha precisato Gianluigi – il nostro format prevede un servizio di pizzeria solo da asporto, il menu contiene solo 7 pizze, 2 insalate e 2 dolci, il menù è piccolo ma molto elaborato, la preparazione degli ingredienti viene fatta giornalmente così da avere un prodotto fresco e di qualità. Il settore in cui lavoro è stato uno dei pochi che non ha affatto sentito la crisi qui in Australia – ha continuato – il motivo è semplice, qui la gente rispetto all’Italia non è molto brava in cucina, quindi la ristorazione da asporto ha avuto un grande incremento durante la pandemia.”

Una storia certamente bella e preziosa quella di Gianluigi e Cecilia che guardano ancora al futuro e alla loro crescita con lo sguardo rivolto quindi sempre in avanti: “Per il futuro ci vediamo ancora qui in Australia – ha concluso – avendo un figlio di 4 anni che parla solo inglese ed avendo ormai messo radici qui non ci vediamo in nessun altro posto ma l’Italia rimarrà sempre nei nostri cuori.”