Quantcast

Giornata internazionale dei bambini scomparsi, l’impegno della Polizia di Stato foto

Se hai bisogno di aiuto o se conosci qualcuno che ha bisogno di aiuto, gli operatori della Polizia di Stato dell’Ufficio Minori e Vittime Vulnerabili della Divisione Anticrimine sono pronti ad ascoltarti e ad aiutarti

Il 25 Maggio ricorre” la Giornata Internazionale dei bambini scomparsi”, una piaga sociale, un dramma spaventoso. Istituita dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, occasione per ricordare l’importanza di un fenomeno particolarmente preoccupante, la scomparsa di minori, ragazzi e ragazze che fuggono perché impauriti, maltrattati, ingannati. La Polizia di Stato da sempre attenta a tutelare le fasce più deboli ed in particolar modo i minori, dal 2000 ha aderito al network internazionale dell’ICMEC (International Centre for Missing & Exploited Children),di cui fanno parte 30 Paesi, attivando il sito italiano per i bambini scomparsi –it.globalmissingkids.org, gestito dalla Direzione Centrale Anticrimine del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, attraverso il quale, oltre a consigli e informazioni, vengono pubblicati anche i casi di minori scomparsi.

Il fenomeno dei bambini scomparsi tocca tutti profondamente anche sul piano emotivo per le delicate implicazioni umane e morali che presenta. La Polizia di Stato riserva da sempre la massima attenzione al fenomeno, attraverso la prevenzione e le attività investigative degli uffici e delle sezioni specializzate.
Con lo scopo di sensibilizzare tutta la popolazione, è stato realizzato un segnalibro e una brochure informativa, rivolta in particolar modo agli adolescenti, contenenti informazioni utili relative al fenomeno.
La brochure ha un intento anche pratico, sia per i minori che possono essere in situazioni di difficoltà nonché per gli adulti, con l’indicazione dei numeri di emergenza e pronto intervento, tra cui ricordiamo, oltre al numero di emergenza 112, la linea europea per i minori scomparsi 116000 ed il numero di Emergenza Infanzia per la violenza sui minori “114”.Può inoltre essere utilizzata l’app Youpol che permette di comunicare con la Polizia anche in forma anonima, segnalando episodi di spaccio, di bullismo o fenomeni connessi ai reati di violenza che si consumano tra le mura domestiche. L’app “Youpol” consente di inviare direttamente alla sala operativa della questura, in tempo reale, messaggi e immagini, permettendo agli operatori di intervenire prontamente.

“Se hai bisogno di aiuto o se conosci qualcuno che ha bisogno di aiuto, ricorda che è sempre possibile trovare una soluzione. Gli operatori della Polizia di Stato dell’Ufficio Minori e Vittime Vulnerabili della Divisione Anticrimine sono pronti ad ascoltarti e ad aiutarti”
Questo è il messaggio che accompagna l’iniziativa della Questura di Catanzaro dove è stata organizzata la distribuzione del materiale informativo nelle librerie cittadine ubicate in zone della città particolarmente frequentate dai giovani, per sensibilizzare così i cittadini sulla piaga dei bambini scomparsi.
Hanno aderito all’iniziativa le librerie Mondadori di corso Mazzini, l’Isola del Tesoro di via Francesco Crispi, Giunti presso il centro commerciale Le Fontane, Ubik via Progresso, Nisticò via Daniele, Punto e a capo via Jannelli, Paoline via Arcivescovado e Tavella via Crati Lamezia Terme.
Il materiale informativo in distribuzione tratta anche importanti tematiche quali il bullismo, il cyberbullismo nonché la violenza di genere e altri fenomeni per i quali la Polizia di Stato costituisce un importante punto di riferimento per le vittime.
E’ anche in queste iniziative che si concretizza il nostro motto “Esserci Sempre”.