Quantcast

Nominati a Catanzaro i delegati al Congresso Nazionale Forense

Gli avvocati di Catanzaro hanno scelto i delegati al Congresso che si terrà a Lecce il 6/7 ed 8 ottobre prossimo

Al termine della due giorni elettorale svoltasi nella sala riunioni del Consiglio dell’Ordine ed a cui hanno preso parte oltre 550 elettori, gli avvocati di Catanzaro hanno scelto i delegati al Congresso Nazionale Forense che si terrà a Lecce. Sono stati designati i professionisti che rappresenteranno il Foro catanzarese in occasione dell’appuntamento pugliese previsto per i giorni 6/7 ed 8 ottobre prossimo.
Delegati sono stati indicati gli avvocati Mariagemma Talerico che ha ricevuto 356 voti, Fabrizio Sigillò con 283 voti, Francesco Pullano votato da 279 iscritti e Fausto Colosimo con 148 preferenze.
Ulteriori preferenze sono state manifestate per gli altri candidati, gli avvocati Paola Portaluri, Marco Mirigliani, Emilio Reitano Pandullo e Simona Frangipane.

Mariagemma Talerico
Mariagemma Talerico

Il Congresso Nazionale, che ha cadenza triennale, costituisce la massima assise italiana dell’avvocatura, quella in cui cioè vengono delineate le linee guida organizzative e politiche della professione e trattati gli argomenti che, più degli altri, coinvolgeranno nel breve termine la classe forense.

Estremamente significativo l’appuntamento di quest’anno che si svolge in tempo pressoché reale al completamento del processo di riorganizzazione del “sistema giustizia” che il Governo intende affrontare mediante l’accelerazione delle sue procedure ed il sempre più consistente ricorso alla digitalizzazione ed all’informatica che ben potranno essere agevolate dal consistente apporto economico confluito nel PNRR.

Indicativo dell’attenzione a questi argomenti l’ordine del giorno già predisposto dal Consiglio Nazionale Forense che, insieme alla discussione sull’attuazione delle riforme e gli effetti, anche economici, sull’esercizio della professione, mira ad attenzionare un contesto professionale tradizionalmente associato all’uso di carte, timbri e faldoni, sul sempre più esteso utilizzo di modalità telematiche per la gestione del processo e sulle nuove e rivoluzionarie forme di automazione della decisione giudiziaria che potrebbero essere apportate dalla c.d. “giustizia predittiva” a cui il Congresso dedicherà ampia discussione.

In questo contesto significativa l’indicazione pervenuta dagli avvocati catanzaresi che hanno inteso affidarsi all’esperienza congressuale maturata nel corso dei precedenti anni (gli avvocati Sigillò e Pullano hanno infatti già rivestito questo incarico in altre occasioni) integrando la composizione dei delegati con gli altri due professionisti che parteciperanno all’evento per la prima volta e si uniranno all’avv. Antonello Talerico già individuato di diritto nella sua qualità di Presidente del Consiglio dell’Ordine.