Catanzaro, tentata concussione: Procura chiede rinvio a giudizio per dirigente del Comune

Al centro della vicenda i lavori di bonifica del lido Lo Jonio dopo l'incendio che lo ha distrutto

La Procura della Repubblica di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio del dirigente comunale Andrea Adelchi Ottaviano (59 anni), in qualità di dirigente del settore Edilizia privata e Sue del Comune di Catanzaro in concorso con Giovanni Valentino (67 anni), proprietario dello stabilimento balneare “Lo Jonio ce l’hai”.

L’accusa è di concussione. Tutto è iniziato dopo l’incendio doloso dello stabilimento balneare. Infatti tra i gestori e il proprietario Giovanni Valentino era nata una controversia, relativa alle spese di rimozione e bonifica dell’area interessata dall’incendio. Per il proprietario l’esecuzione a spese doveva essere sostenuta dai gestori, però, sempre secondo quanto ricostruito dall’accusa, doveva essere lui a supervisionare i lavori decidendo anche la ditta che avrebbe dovuto occuparsene.

Per quanto riguarda, invece, Andrea Adelchi Ottaviano avrebbe fatto pressioni sui gestori affinché non provvedessero a eseguire i lavori di bonifica (nonostante fossero autorizzati dall’autorità giudiziaria) o di eseguirli a loro spese, per lasciar decidere a Valentino la ditta a cui rivolgersi e come operare. In questo modo il dirigente, secondo l’accusa, avrebbe procurato a Valentino un vantaggio patrimoniale. L’udienza preliminare è stata rinviata al 20 luglio.