Disabilità e demenze, Ragi onlus scrive al neo sindaco Fiorita

"I catanzaresi vogliono essere accompagnati nella grande transizione che ci aspetta"

Più informazioni su

    Le auguriamo buon lavoro signor Sindaco ma le auguriamo principalmente di riuscire a scrivere grandi narrazioni e di poter stare dentro agli
    universi così tanto frammentati di questa città in cui vivono tanti “acrobati della sopravvivenza” e dove, per loro, l’indifferenza è stata a volte, più feroce dell’intolleranza. Sarebbe forse ingannevole pensare che linee di frattura sociale così profonde, possano rimarginarsi in fretta e che l’economia così come il territorio e la nostra comunità tutta, riescano a tornare velocemente alla normale dignità. Ma i cittadini si aspettano molto da lei e dalla squadra che sceglierà di schierare per poter imprimere quella forte impronta sociale che abbial’obiettivo di colmare le disuguaglianze, di rilanciare il lavoro di qualità, di garantire i diritti sociali e quelli di cittadinanza che sono inscindibili, perché insieme garantiscono giustizia sociale e libertà individuale.
    I catanzaresi vogliono essere accompagnati nella grande transizione che ci aspetta.
    Come RaGi, abbiamo molto apprezzato la sua risposta alla lettera da noi inviata ai candidati a sindaco quando chiedevamo alla nuova giunta comunale un “Punto e a Capo”. Adesso, su quel nuovo rigo bianco vorremmo poter iniziare a raccontare un’altra storia. Una storia che può andare finalmente avanti senza affanni e senza timori, riaprendo così la partita e seguendo la strada della coerenza, della giustizia e principalmente del rispetto. Vede, nel momento in cui abbiamo deciso di proteggere le persone con demenza, noi abbiamo rispettato la sola legge che conosciamo come esseri umani. L’uomo non ha né potere, né privilegi, ha solamente responsabilità. Nascere uomo su questa terra è un incarico sacro e la mancanza di profondo rispetto per gli esseri viventi, specialmente per quelli più fragili, conduce in fretta alla mancanza di
    rispetto per tutti gli uomini.
    Non crediamo esistano ricette preconfezionate, né crediamo che il pensiero di un solo uomo possa essere la bussola per il cambiamento di un sistema. Noi crediamo nelle invasioni di campo e di pensiero, nella cooperazione, nella costruzione di reti di dialogo, nel rispetto dei ruoli, nella chiarezza delle decisioni che si assumono, nella liberazione della stessa libertà da chi di questa libertà ne ha fatto un mercimonio.
    Le auguriamo che lei possa portare avanti il suo progetto per il bene di tutti affinché il futuro di questa città non sia la continuazione ma un nuovo inizio.
    L’aspettiamo nel nostro Centro Diurno per un caffè insieme all’assessore alle Politiche sociali da lei designato dr. Venturino Lazzaro. Questo non è ancora il tempo del raccolto. Questo è il tempo della buona semina. Buon cammino signor Sindaco”

    Il direttivo dell’Associazione RaGi Demenze Calabria
    Associazione “PerLe Demenze” Famiglie Unite Calabria.

    Più informazioni su