Kalabrian h2o, al via il calendario degli appuntamenti foto

Nel quartiere marinaro del capoluogo

Più informazioni su

Tornano gli appuntamenti culturali organizzati dall’associazione Kalabrian h2o, con sede nel quartiere marinaro del capoluogo. Nella serata di ieri, con “Caffè Kalabrian – I venerdì del Chiosco”, dopo la forzata interruzione data dall’emergenza sanitaria, l’associazione riparte con l’intento di riproporre momenti culturali dalle più diverse tematiche. Si ricorderà che Kalabrian h2o è un’associazione principalmente dedita alla pratica del kayak, ugualmente si associano appuntamenti con argomentazioni differenti, sull’ambiente, sulla poesia, sulla fotografia, sui libri, sulle opere scultoree, sulla pittura e tanto altro. La stagione culturale si apre con un venerdì dedicato proprio alla pittura, avendo come autore delle opere presentate un “marinoto doc”, il signor Sergio Scicchitano.

Dopo svariati anni trascorsi lontano dalla sua terra natale, il signor Scicchitano, tornato nella “sua Marina” si dedica a molteplici interessi e a ciò che più lo appassiona, il canto, che da sempre è stata una sua predilezione, la poesia e la pittura. Ed è con circa trenta sue realizzazioni pittoriche che la mostra si articola, esposte nel tradizionale chiosco, quale sede “Kalabrian”, ubicato sul lungomare di Giovino. Nelle opere, contraddistinte dalla tecnica dell’acquerello, si distinguono tonalità delicate ma anche contrastanti, ove l’autore ha determinato quasi due “tematiche”: in una serie prevalgono spunti tratti da scatti fotografici (realizzati da Gianluca Bellacoscia), mentre nell’altra si scorgono, con singolare satira, le problematiche del quartiere o, ancora, le diverse dimensioni dei luoghi noti e simbolismi sul rispetto per l’ambiente.

“La pittura – dice Sergio Scicchitano – è sempre stata una mia predilezione e nel periodo del lockdown, ho ripreso questa attitudine scegliendo la tecnica dell’acquerello, in ricordo dei primi approcci con la pittura che da bambino erano dati, per l’appunto, dai policromatici acquerelli”.

“Lo spunto – aggiunge – mi è stato suggerito da alcuni magnifici scatti fotografici della nostra costa, ma, nelle mie rappresentazioni, non mancano le problematiche del nostro quartiere, come il dipinto sul depuratore, quelle ambientaliste con le pale eoliche, sulle dinamiche della politica e tante altre tematiche dove non manca l’evidente ironia”. Dopo una breve esplicazione sulle opere da parte dell’autore, un interessante dialogo con il pubblico presente sulle peculiarità dell’arte, sulle diverse letture che possono trarsi da un’opera infondendo, in chi ne ammira il contesto, una pluralità di sentimenti ed emozioni. Una passione che rinasce, quella del signor Scicchitano, una passione che si traduce anche nell’amore per la propria terra tant’è che, quale residente del quartiere, è sempre stato vicino alle dinamiche più importanti che lo riguardano. Per Kalabrian h2o, dunque, una ripartenza all’insegna “dell’arte del colore” che, come sottolinea il presidente Gianluca Bellacoscia, fungerà da apertura a tanti altri appuntamenti che si protrarranno sino all’autunno e che saranno successivamente promossi sulla pagina Facebook dell’associazione. La mostra, per chi vorrà visitarla, resterà aperta per tutto il weekend dalle ore 18,00 alle ore 20,00.

Più informazioni su