Comparto forestale, la protesta alla Cittadella regionale

'Per ora congelati a seguito della delibera di Giunta 90 mila ettari di boschi, per un valore di circa 27 milioni di euro'

Più informazioni su

I titolari delle aziende del comparto forestale della Calabria hanno inscenato un sit-in di protesta questa mattina davanti la sede della Regione a Catanzaro.

La manifestazione e’ stata promossa dalle organizzazioni agricole Anpa Calabria, LiberiAgricoltori e ConfColtivatori Calabria. I manifestanti hanno portato nel piazzale della sede della Giunta regionale decine di mezzi pesanti.

Cosi’ i dirigenti di Anpa, LiberiAgricoltori e ConfColtivatori presenti al sit-in hanno motivato la manifestazione dio protesta. “Tutto e’ incominciato nel febbraio scorso quando la Giunta regionale ha recepito con delibera le linee guida nazionali, sancendo che per poter procedere a qualsiasi tipo di attivita’ selvicolturale e’ necessaria la valutazione di incidenza ambientale provocando cosi’ il blocco totale di tutte le attivita’ forestale.

Per fare capire meglio il disastro che si sta provocando – spiegano i manifestanti – basta evidenziare che sono giacenti presso il dipartimento forestazione, da quasi 10 anni, piu’ o meno 300 piani di gestione.

Facendo una media piano/ettaro, sono congelati a seguito della delibera di Giunta 90 mila ettari di boschi, per un valore di circa 27 milioni di euro. Questo e’ il danno attuale che i proprietari forestali, le aziende boschive, le aziende di trasformazione e chi lavora nei boschi rischia di subire. Non possiamo permettere all’economia calabrese questa sciagura”.

L’iniziativa di protesta organizzata nel piazzale della Cittadella regionale dalle sezioni calabresi dell’Associazione nazionale produttori agricoli, di Liberi agricoltori e di Confcoltivatori per chiedere interventi in favore delle imprese boschive si è conclusa dopo che una delegazione dei manifestanti ha incontrato l’assessore alle Politiche agricole, Gianluca Gallo.

“Le nostre istanze – ha detto Giovanbattista Benincasa, presidente di Confcoltivatori Calabria – sono state tutte accolte e le promesse sono state tante. Speriamo quindi che nel breve tempo si risolva tutto”.

Più informazioni su