Con Marinamarcord ritorna la mostra fotografica di Franco Riga foto

Resterà aperta dal 25 luglio sino al 5 agosto, dalle ore 18.30 alle ore 20.00

Più informazioni su

Un tuffo nel passato del quartiere marinaro del capoluogo, il presente che si ricollega alla storia locale, a frammenti di vita familiare, all’operosità degli artigiani di una volta. E’ ciò che ci regala “Marinamarcord” la mostra fotografica a cura di Franco Riga, inaugurata nella serata di ieri nei locali della “Galleria d’Arte Caterina Vitaliano” in Via Progresso del quartiere Lido. La mostra, che è giunta al suo 18° anno di esposizione, dopo lo “stop” dovuto all’emergenza pandemica, ritorna con un lavoro importante, che vedrà la rassegna protrarsi dal 25 luglio al 5 agosto con una carrellata di scatti fotografici inerenti ad un passato che rimane determinante. Sono circa 60 fotogrammi in bianco e nero che Franco Riga ha scelto primariamente per divulgare ancora una volta il corposo archivio fotografico di cui è in possesso, ma ugualmente per poter dare concreta visione di un passato che ci appartiene, nelle sue varie sfaccettature. “Ho sempre voluto rendere partecipi anche gli altri del grande bagaglio di fotografie – dice Riga –  questa volta, che vede una nuova location per la mostra, ho voluto puntare su diverse tematiche: la gente nelle sue molteplici espressioni, gruppi di famiglie, le scolaresche, le feste patronali, i mestieri di una volta, insomma, la vita comune del borgo Marina”. E’ sempre accaduto che negli scatti proposti il visitatore abbia ricercato nelle foto, un parente, un genitore negli anni della sua gioventù o, magari, un nonno che non si è mai conosciuto. A tagliare il nastro d’inaugurazione il Presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso, che si è molto soffermato nell’esposizione dove, tra l’altro, egli stesso è ritratto da bambino:” Con questi splendidi scatti é come tornare indietro nel tempo – ha affermato – si può scorgere quanto il quartiere sia cambiato, dalla semplicità di una volta si è passati, quasi naturalmente, ad un contesto diverso, certamente il proponimento è quello di migliorare sempre più”. Forzatamente assente, per motivi istituzionali che lo hanno trattenuto, il neo sindaco Nicola Fiorita, non mancando il proponimento di visitare la mostra nei prossimi giorni.

Nel corso degli anni l’esposizione ha sempre raggiunto un alto valore raccogliendo un gran numero di visitatori, quest’anno si propone una programmazione interessante, differente dal solito, come asserisce lo stesso Riga: “Quest’anno ho voluto dare un’impronta diversa al contesto, inserendo “l’evento nell’evento”, rompendo gli schemi tradizionali. Pertanto, durante il periodo espositivo, si alterneranno diversi artisti locali, dando quel valore aggiunto che caratterizzerà l’iter dell’esposizione”. Dunque, vari i professionisti che si avvicenderanno, di cui se ne descriverà la programmazione: 25 luglio Dasco (cantautore esibitosi ieri durante l’inaugurazione), 26 luglio John Nisticò (musician art composer), 30 luglio Pino Arcuri (cantante), 1 agosto Ilo Di Tommaso (maestro), 2 agosto Marialaura Gabini (cantante), 3 agosto Danilo Assara (fotografo), 4 agosto Raffaele Provenzano (maestro), 5 agosto Luigi Cimino (maestro). La particolare carrellata fotografica è certamente la conclusione di un considerevole lavoro da cui si evince quel segno di riconoscenza verso le trascorse generazioni che hanno costituito il passato di intere famiglie, di quelle tradizioni mai dimenticate e dell’evoluzione dello stesso quartiere.

Un lavoro, dunque, molto importante che ha visto nella sua attuazione una partecipazione corale e, come ulteriore ringraziamento, Franco Riga ha voluto citare tutte le persone che hanno collaborato: Pino Arcuri, Antonio Giuffré, Danilo Assara, Sergio Pisano, Pino Cerra, John Nisticò, Nuccio Polizzese, Giovanni Petrolino, Rosario Chiarella, Giovanni Audino e la titolare della Galleria d’Arte, Caterina Vitaliano, di cui si potranno ammirare alcune opere pittoriche esposte in sala, con particolari “marine” e singolari raffigurazioni “astratte”.  Durante il periodo espositivo alcuni scatti fotografici saranno sostituiti dando la possibilità, nelle diverse visite, di poter ammirare ulteriori soggetti. La mostra, che si è avvalsa dell’apporto della Presidenza del Consiglio Regionale e del sostegno di numerosi sponsor, resterà aperta dal 25 luglio (giornata di ieri inaugurale) sino al 5 agosto, dalle ore 18.30 alle ore 20.00.

Più informazioni su