Gruppo Giovani – Primavera della Calabria, solidarietà a Beauty: “Evitare episodi gravissimi come quello subito dalla giovane”

"Ci auguriamo che le indagini possano garantirle la giustizia che merita, ma ci appelliamo anche alla classe politica, regionale e nazionale"

Più informazioni su

     Una vicenda di abuso, razzismo, violenza che sarebbe rimasta ignota, come molto probabilmente in tante altri situazioni affini, se Beauty Davis, 25enne nigeriana, non avesse ripreso in diretta parte dell’aggressione verbale e fisica subita nei giorni scorsi presso il lido “Mare Nostrum” di Soverato.

    Il motivo dell’aggressione da parte del titolare dello stabilimento sarebbe stato la giusta e legittima richiesta da parte della giovane del compenso relativo alla prestazione offerta come lavapiatti.  

    Come Primavera della Calabria esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza alla giovane lavoratrice augurandole che le indagini possano garantirle la giustizia che merita, ma ci appelliamo anche alla classe politica, regionale e nazionale, e alle istituzioni affinché vengano messe in atto misure concrete di lotta allo sfruttamento dei giovani e al lavoro povero, ad iniziare da un’intensificazione dei controlli. Tale misura deve necessariamente prevedere un’adeguata assunzione di nuovi ispettori del lavoro opportunamente formati, in grado di evitare episodi gravissimi come quello subito dalla giovane Beauty Davis, garantire ascolto e tutela per le lavoratrici e i lavoratori, e rimarcare, come la stessa Davis ha fatto, che il lavoro è un diritto e non può essere utilizzato come forma di ricatto.

    Questi aspetti erano stati oggetto di un’ampia e approfondita discussione tra sindacati e il gruppo giovani di Primavera della Calabria durante il webinar “Cerca(si) lavoro: per un pugno di euro a gionata” organizzato dal laboratorio politico nel luglio dello scorso anno.

    Gruppo Giovani – Primavera della Calabria

    Più informazioni su