Il sindacato di Polizia Fsp: “Davide non molli”

Il segretario nazionale Giuseppe Brugnano commenta l'episodio di Davide aggredito a Crotone e rientrato a Bologna: "Ci uniamo alla preghiere della mamma"

Più informazioni su

“La tragedia che ha colpito la famiglia Ferrerio costretta a tornare a Bologna con il proprio figlio Davide massacrato a Crotone da una persona che definire “uomo” è già barbarie altro non è che figlia di quel sentimento di onnipotenza e di spregiudicata strafottenza che pervade gli animali con cui ogni giorno la gente per bene calabrese deve fare i conti. Senza volerci girare troppo intorno coloro i quali fanno della violenza fisica un valore e la sfoderano o per ottenere profitto o per semplice ostentazione, sembrano i vincitori morali di un duello senza fine, di una competizione dove alla barbarie si contrappone l’indifferenza, alla prevaricazione il buonismo, alla sopraffazione il silenzio.” Così esordisce Giuseppe Brugnano, Segretario Nazionale del Sindacato Fsp Polizia di Stato, commentando il ritorno del giovane Davide, massacrato in una via di Crotone, nella sua Bologna.

“E’ soprattutto nella totale mancanza di anticorpi – dice Brugnano – della società civile che risiede la movenza di questo e di tanti altri piccoli e grandi crimini che possono colpire chiunque, per caso o per sfortuna, nelle vie di Crotone, Catanzaro o Reggio Calabria; una movenza che si annida poi nella totale forma di delegittimazione dell’azione delle Forze di Polizia costrette spesso a subire, per prime loro, la sfrontatezza di chi dopo un quarto d’ora dal compimento di un crimine è libero di scorazzare e sputare sul verbale di fermo; che si installa anche nella paura della gente che non interviene né denuncia per paura e per sfiducia; che si perpetua infine nel lasciare sola la vittima e considerare gli accaduti variabili coerenti con il sistema, devianze da accettare”.

“Condividiamo – continua il Segretario Nazionale della Federazione Sindacale di Polizia – pertanto la rabbia della madre di Davide che comunque in questa tristissima storia ha potuto anche apprezzare la “parte buona” della nostra terra, quella silenziosa e attiva dove sono ancora ben inculcati i valori antichi dell’accoglienza, della solidarietà, dell’incontro. Possiamo – conclude Giuseppe Brugnano – solo farle due promesse: unirci alla sue preghiere perché Davide ce la faccia e non mollare di un millimetro nella lotta ai criminali che offendono la nostra terra e che ne rappresentano il vomito”

Più informazioni su