Maida, il sindaco Paone fa visita ai suoi compaesani in Svizzera

"Con la tappa in Svizzera il primo cittadino inizia un percorso di partecipazione che porterà alla stesura del programma da sottoporre agli elettori"

Più informazioni su

E’ partita dalla terra elvetica la lunga campagna elettorale per le prossime elezioni amministrative di Maida per il movimento civico “Libertà è partecipazione” che ha indicato, nel corso di una recente assemblea pubblica, la ricandidatura del sindaco in carica, Salvatore Paone.

Un incontro partecipato, quello tenuto in Svizzera, all’insegna dell’informazione e del confronto, molto utile  perché ha fornito interessanti spunti da inserire nel programma elettorale, ascoltando i consigli e i suggerimenti di chi, pur lontano, desidera profondamente che il   processo di cambiamento avviato in questi anni continui. Dopo il recente incontro tenuto a Maida che ha visto il movimento civico avviare il confronto con tanti sostenitori, e nel quale si è acquisita la disponibilità del sindaco in carica di guidare il movimento per la riconferma, con la tappa in Svizzera il primo cittadino inizia un percorso di partecipazione che porterà alla stesura del programma da sottoporre agli elettori.

L’incontro è stato introdotto da Pietro De Vito che ha dato il benvenuto al primo cittadino e salutato i presenti: nel suo intervento De Vito ha messo in rilievo i tanti cambiamenti registrati nel corso della consiliatura, soffermandosi in particolare su miglioramenti importanti riguardanti la qualità dei servizi con particolare riferimento al servizio idrico, la raccolta differenziata e la disponibilità e l’impegno costante degli amministratori comunali. Nel suo intervento il sindaco Paone ha fatto una carrellata dei principali punti programmatici portati a termine nel corso della consiliatura, i tanti obiettivi raggiunti e quelli in programma.

“Il piacere di ritrovare tanti amici in Svizzera – ha dichiarato Salvatore Paone – nel cantone di lingua tedesca, il confronto con loro su Maida e sul suo futuro, la gioia di sentirli parte integrante della nostra comunità è stato un bel momento di socialità che ha dato a tanti l’occasione di ritrovarsi e salutarsi. L’incontro con i compaesani in Svizzera è un’abitudine che ho fatta mia in questi anni di governo locale, interrotta negli ultimi due solo dalla pandemia. Durante il partecipato incontro ho ascoltato proposte, osservazioni, idee: ne farò tesoro, contemporaneamente ho  avuto modo di elencare le tante e importanti iniziative intraprese e portate a termine e i progetti avviati dall’amministrazione in carica”.

Grazie infinite ai numerosi amici residenti in Svizzera che hanno voluto accogliermi con la propria presenza e con tanti incoraggiamenti per proseguire il cammino amministrativo   portato avanti con determinazione in questi anni. Grazie anche a coloro che per impegni presi in precedenza non hanno potuto essere presenti, ma hanno voluto comunque manifestarmi diversamente la  propria vicinanza. Rientro con più entusiasmo di prima, rigenerato e pronto ad affrontare con  forza il percorso elettorale spiegando ai cittadini quanto affrontato e realizzato in questi anni”.

Più informazioni su