Investire in borsa : 11 giugno 2015

Più informazioni su


    Il mancato superamento dell’importantissima resistenza statica in area 24000 di ftsemib fa ripiegare decisamente il listino azionario che per la terza volta da aprile ne tentava la violazione.

    Le buone notizie macroeconomiche (il Pil dà finalmente qualche timido segno di ripresa e la disoccupazione grazie agli artifici del jobs act inizia a diminuire) non costituiscono al momento il carburante necessario al proseguo del trend rialzista in quanto già scontate dai rialzi (oltre 20 %) della prima parte dell’anno.

    La crisi greca che tarda a trovare una soluzione (quantomeno parziale e momentanea) , il leggero rafforzamento dell’euro sul dollaro e l’imminente risalita dei tassi di interesse statunitensi connessa alla fine della politica monetaria espansiva della Fed, riescono invece ad innervosire i mercati grazie anche ad una stagionalità storicamente negativa nei mesi di maggio/giugno.

    In fasi di mercato come quella attuale in cui i segnali positivi lasciano rapidamente il posto a quelli negativi e viceversa, gli investitori che non operano con “metodo” e che rincorrono il mercato ora con operazioni rialziste , subito dopo con operazioni ribassiste, corrono il rischio di stare sempre dalla parte sbagliata del trend .

    La confusione è spesso alimentata da sedicenti giornalisti/operatori finanziari che sembrano fare a gara nel profetizzare imminenti crolli appena il mercato sfonda un piccolo supporto per poi dare per scontati nuovi imminenti massimi non appena viene rotta al rialzo una piccola resistenza.

    Proprio oggi leggevo allibito un articolo su un notissimo sito italiano di finanza in cui l’autore/guru ha la straordinaria capacità di accontentare al tempo stesso sia i lettori con idee ribassiste sul mercato, sia quelli con prospettive rialziste; leggete e tremate : “se i mercati continueranno a scendere si dovrebbe sfruttare il ribasso per incrementare l’esposizione in titoli azionari” ; “i mercati ora potrebbero andare verso una profonda correzione” ; “qualunque cosa accadrà sui mercati (notare il tono intimidatorio) durerà fino alla prima decade di luglio” ; “a partire da questa settimana si dovrebbe iniziare a salire” ; giusto a titolo di cronaca costui ha pure la faccia tosta di concludere l’articolo dicendo “acquistate le nostre previsioni perché la nostra azienda centra le svolte dei mercati con grande regolarità” !!!!!!!!

    La cosa grave è che tanti investitori non professionisti fanno affidamento (a pagamento) su cialtroni del genere con la speranza di riuscire a prevedere veramente l’andamento dei mercati quando invece basterebbe rispettare un’unica regola : i mercati vanno osservati ed assecondati nel loro divenire senza fare inutili e rischiose previsioni ossia bisogna individuare un trend e limitarsi a seguirlo finché è in essere.

    Oggi il mercato azionario italiano è imbrigliato in un trading range tra due livelli chiave : area 24000/24500 che è una forte resistenza ed area 22500/22000 che è un buon supporto; solo lo sfondamento di uno dei due livelli chiave riuscirà a dare forte direzionalità all’indice ftsemib.

    Io sono propenso a pensare che l’indice ftsemib prima o poi romperà verso l’alto e si dirigerà (magari l’anno prossimo) in area 30000 in quanto l’enorme liquidità presente sui mercati grazie alle politiche monetarie espansive finirà sui listini azionari europei, ma fino a quando tale rottura rialzista non avverrà non consiglio ingressi sul mercato se non in ottica speculativa.

    Alessandro D’Elia (trader professionista)

    Per info e chiarimenti : alexdelia@tiscali.it

    ALL’ATTENZIONE DEI LETTORI :

    Il sottoscritto dichiara che la presente rubrica ha uno scopo meramente informativo e non intende rappresentare in alcun modo una sollecitazione al pubblico risparmio.

    Più informazioni su