Quantcast

Ciak in Calabria per Beppe Fiorello tra Lamezia e Catanzaro

Il film di cui sarà protagonista con Valentina Lodovini è 'L'Afide e la formica' di Mario Vitale, prodotto da Luca Marino


Un grande nome per una nuova produzione cinematografica che sarà girata in Calabria il prossimo mese di giugno. Giuseppe Fiorello sarà il protagonista del primo film di Mario Vitale, il cui titolo provvisorio è “L’Afide e La Formica”, prodotto dalla Indaco Film del produttore emergente catanzarese Luca Marino. Un progetto interamente made in Calabria, vincitore del bando produzione della Calabria Film Commission, che contribuirà a dare lustro al nostro territorio e a favorire la crescita dell’industria cinematografica regionale.

Beppe Fiorello ha accettato di prestare il proprio volto al film, riconoscendone il valore artistico, e nel cast sarà presente anche un’altra attrice conosciuta al grande pubblico, Valentina Lodovini, insieme a giovani interpreti calabresi. L’opera prima è scritta da Mario Vitale con Saverio Tavano, Francesco Governa e Josella Porto e racconta la storia di Fatima, un’adolescente musulmana, la cui determinazione e vitalità contagerà un ex maratoneta tanto da decidere di allenarla per farle vincere la sua corsa più importante, quella della vita. Le riprese si terranno nel lametino, ma il produttore Luca Marino – che vanta già un David di Donatello per il cortometraggio “Bismillah” di Alessandro Grande e collaborazioni importanti come il videoclip “Il povero Cristo” di Vinicio Capossela – ha espresso la volontà di girare qualche scena anche nella sua Catanzaro che potrà così proiettarsi nuovamente sul grande schermo.

Sono orgoglioso della partecipazione di un attore affermato e riconosciuto come Beppe Fiorello – commenta Marino – che si è subito innamorato del copione. Con grande passione e sacrifici abbiamo lavorato duramente affinché in Calabria si potesse girare il primo lungometraggio prodotto dalla Indaco che segna anche il debutto alla regia di un giovane talentuoso conterraneo come Mario Vitale. Le premesse ci sono tutte per condividere una sfida importante con l’obiettivo di dimostrare che la Calabria ha tutte le potenzialità per ospitare le grandi produzioni”.        

d.i.