“E ricominciare”, un brano contro la violenza di genere che dà speranza

Interpretato da Katia Oliveri è un invito alla rinascita

Le donne vittime di violenza convivono con ferite profonde, ricordi dolorosi, hanno segni sulla propria pelle e nella loro mente che testimoniano il dolore che hanno subito ingiustamente. Ma è possibile uscire da quell’incubo, per loro non è tutto finito, si può di riprendere in mano la vita e ricominciare a sognare. Il nuovo singolo “E ricominciare”, scritto da Marco Greco, prodotto da Max Mungari e interpretato da Katia Oliverio, racchiude in sé un tema di grande attualità, quello della violenza di genere, e lo descrive in modo preciso e diretto, caricandolo però di una grande speranza.

La nuova canzone, già presentata al pubblico catanzarese in occasione dell’evento “Le donne lo sanno” promosso dalla Polizia di Stato di Catanzaro in collaborazione con Catanzaroinforma.it, parla di violenza contro le donne, si focalizza sui suoi aspetti fisici e psicologi ma va anche oltre con un grande messaggio positivo e di rinascita. “Non è stato facile interpretare una canzone così profonda, ho letto il testo, l’ho studiato ma non nascondo che durante le prime fasi di registrazione del singolo ero molto emozionata, mi tremavano le gambe – racconta Katia – poi però ho pensato al messaggio di cui la canzone è portatrice, a persone a me vicine vittime di violenza e ho trovato quella forza che mi ha permesso di interpretare il brano.”

Non uscire sola, non mettere il rossetto, poi schiaffi e percosse, nel brano la violenza è descritta in questi termini e si fa riferimento anche ai sogni di vita infranti e ai cuori che la violenza stessa ha spezzato. Da tutto questo si può però uscire, le donne posso farlo e devono poterlo fare: “Si può gridare al mondo guarda che ci sono anche io”, dice la canzone, un invito a ritornare a vivere a lasciarsi nuovamente illuminare dal sole, ad “alzare gli occhi e sorridere.” Le vittime di violenza lo sanno, non è affatto semplice convivere con un dolore così grande, con le difficoltà che quotidianamente si presentano, ma la canzone è un invito a trovare la forza di agire per reagire: “Vorrei che ascoltando questo brano le donne si sentissero meno sole e percepissero la speranza di cui è portatrice”, ha concluso l’interprete di un brano tanto profondo quanto coinvolgente.