Quantcast

Film Calibro 9: “Ancora fango su tutta la regione Calabria”

Posso garantire che quel cartello "Stalettì" che compare nel trailer non l'ho mai visto

di Gianpaolo Stanizzi

No! Non so chi sia il regista. Non so chi sia lo sceneggiatore.
Scorre da oggi sulle pagine Facebook il trailer di un film, Calibro 9, un film che forse ha solo lo scopo di gettare ancora fango su tutta la regione Calabria! Forse! Certamente, il regista o chi per lui non conosce la nostra Terra! Il trailer, infatti, ad un certo momento, inquadra una segnaletica stradale. Porta l’ indicazione di un Comune, “Stalettì”, piccolo paese della provincia catanzarese, ad una manciata di chilometri dal Vivarium di Cassiodoro.

No, non può essere proprio Staletti’, quella Staletti’ che frequento, ringraziando il Signore da sessantuno anni! Conosco le strade ed i tornanti della provinciale SP 52 a menadito! Ogni santa e benedetta domenica, con tutta la “banda familiare”: Mamma, Papà, tre Sorelle ed un Fratello, salivamo a far visita ai Nonni! Papà, poi, lavorava! Lì lo aspettavano clienti di ogni genere, titolati o meno, tanti contadini che, grazie al sudore della loro fronte, riuscivano a comprare quel piccolo pezzo di terra che garantiva loro le familiari provviste quotidiane! E quante urla di mio Padre ho sentito venir fuori da quel piccolo studio quando quel contadino non riusciva a ” ‘ngravare” quella vecchia penna che con religiosa attenzione “u notaru” intingeva nel calamaio! Non racconto cosa accadeva quando l’ “imperizia” macchiava “u borderò”!
Ciò, nonostante quei Clienti spesso erano usciti dalla guida scolastica di mia Mamma che proprio lì, su quella dolce collina, iniziava la carriera di Maestra davanti ad una platea di cinquantaquattro discepoli, di tutte le età!

Cinema: sul set di Calibro 9 (CON FOTO e 4 VIDEOINTERVISTE ESCLUSIVE)

Sono passati anni, quel paese è sempre nel mio cuore! Qualcuno degli amici, vista la mia mole non ci crederà, ma quei tornanti li ho tante volte percorsi in bicicletta! Sì, in bicicletta!
Ancora, per me, una occasione per ammirare lo splendido panorama e leggere , una ad una, le pietre segnaletiche che contavo con la speranza di vedere l’ agognato traguardo di piazza Roma ed assaporare una ottima granita!
Perciò, posso garantire che quel cartello “Stalettì” che compare nel trailer non l’ho mai visto! Quel cartello crivellato di colpi no, non appartiene a quel territorio! Chi ben conosce quel paese potrà testimoniare che è un pessimo omaggio ai suoi abitanti,un grave errore del regista, dello sceneggiatore che, sicuramente, dovranno chiedere scusa a tutti i Cittadini stalettesi ( amo chiamarli stalettisani) che hanno sempre usato la vanga e la zappa per costruire il futuro delle loro Famiglie! Spero proprio di leggere presto le scuse! Lo chiedo da stalettisano d’ adozione, con le lacrime agli occhi!