Quantcast

Mgff, serata finale: vince “Il Cattivo Poeta” ma il pubblico premia “Regina” foto

Applausi per il film del regista catanzarese Alessandro Grande

Non ha vinto il suo film, ma l’immagine clou della finale del Magna Graecia film festival, è tutta sua. L’emozione, lo stupore malcelato di Alessandro Grande e dei protagonisti del suo “Regina”, Ginevra Francesconi e Francesco Montanari, premiati a vario titolo nel corso della serata di ieri all’arena del Porto racchiudono tutto il senso dell’intera kermesse ideata da Gianvito Casadonte insieme al fratello Alessandro. Ed è un’immagine bellissima.

Il film vincitore di questa edizione è infatti “ll cattivo poeta” di Gianluca Jodice, ma il pubblico – e crediamo non solo per una questione affettiva nei confronti del regista catanzarese – ha premiato “Regina”.
La giuria del concorso principale, quello dedicato alle opere prime e seconde, presieduta da Pappi Corsicato – assente -, ha poi deciso di consegnare alla piccola grande Ginevra il premio come Miglior attrice. A Francesco Montanari è andato il riconoscimento dedicato a un altro regista catanzarese, prematuramente scomparso, Giuseppe Petitto, «Un grande figlio di questa terra, un talento», lo ha definito Gianvito Casadonte.

Gli altri premi sono andati come Miglior attore a Francesco Patanè per “Il cattivo poeta”, Miglior regia a Giovanni La Parola per “Il mio corpo vi seppellirà”, Miglior sceneggiatura a Antonio Pisu per “Est”. Menzione speciale per Susy Laude e il suo “Tutti per Uma”. Nelle altre sezioni, Miglior documentario – sezione curata da Antonio Capellupo – è stato “Punta sacra” di Francesca Mazzoleni, Miglior Opera internazionale – sezione curata da Silvia Bizio – “After love” di Aleem Kham.
Nel corso della serata sono stati anche consegnati altri riconoscimenti come il Premio Vittorio De Seta a Mattia Isaac Renda per “L’attesa”, il Premio per la musica, offerto dalla gioielleria Megna, a Tecla Insolia, e la Colonna d’Oro al catanzarese Gianluca Guzzo, fondatore di MyMovies.

Presentata da Carolina Di Domenico insieme allo stesso Casadonte, la serata è stata una carrellata di tutti coloro che hanno collaborato alla riuscita di questa edizione del Festival, quello della maggiore età, sia di chi che nei giorni scorsi si è alternato sul palco, sia degli ospiti della stessa serata, passando per i numerosi sponsor, le associazioni supportate dal Magna Graecia, le istituzioni, gli amici del Festival. Non sono mancati, poi, momenti di commozione vera anche e soprattutto da parte dei due presentatori, ma lo scettro dell’emozione va al trio di Regina: nulla vale il confronto con l’abbraccio a tre, sotto il palco, tra Grande, Francesconi e Montanari, increduli e felici con le loro Colonne d’oro – di Michele Affidato -, Ovviamente prima di concedersi alle foto di rito. Le vere star del Magna Graecia Film Festival sono stati loro.