Commissione Scuola del Comune di Catanzaro alla Rodari

Dopo i problemi di sicurezza, al servizio mensa e per l'accessibilità degli alunni la commissione della Pubblica istruzione del Comune di Catanzaro ha fatto visita al Plesso Patari-Rodari


Alcune problematiche inerenti l’Istituto comprensivo Patari – Rodari sono state al centro di un sopralluogo che la commissione Pubblica istruzione, presieduta da Manuela Costanzo, unitamente all’assessore al ramo Concetta Carrozza, ha effettuato all’interno del plesso scolastico.

Erano presenti i componenti della commissione Andrea Amendola, Gianmichele Bosco, Rosario Lostumbo, Rosario Mancuso e Ezio Praticò e i consiglieri Demetrio Battaglia e Carlotta Celi.

A riceverli è stata la dirigente Anna Maria Rotella che ha esposto alcune criticità che riguardano la sicurezza degli alunni. “Ci è stato segnalato – commenta la presidente di commissione Manuela Costanzo – che da diverso tempo permangono i rischi legati per l’incolumità dei bambini all’uscita da scuola lungo via Broussard e via Daniele e per cui si rende necessario un presidio da parte dei vigili urbani. Un’ ulteriore problematica riguarda il servizio mensa, dal momento che è stata evidenziata la presenza di lische nelle porzioni di pesce servite ai bambini. La dirigente scolastica ha avuto modo di interloquire con la ditta Siarc che gestisce il servizio di refezione scolastica e che, a sua volta, ha risposto suggerendo sul punto di aprire un confronto con l’Asp. Sarà impegno della commissione che presiedo, richiedere opportune delucidazioni al fine di proporre l’opportunità di apportare dei correttivi al menu dei pasti nel rispetto degli standard previsti per eliminare ogni possibile rischio per i bambini. Dall’incontro con la dirigente siamo venuti a conoscenza anche di criticità relative ad alcune perdite della rete fognaria nell’area del Plesso Gagliardi e alla persistenza di barriere architettoniche. Un problema, quest’ultimo, che riguarda anche altri istituti comprensivi cittadini e per cui l’amministrazione dovrà impegnarsi per adeguare le strutture scolastiche rendendole accessibili a tutti e senza discriminazioni”.