Quantcast

Catanzaro, Cuda: ‘Considerazioni Labdem errate e velenose’

Cuda fa riferimento alle fasi congressuali locali del Pd: "La ricostruzione paventata da due componenti della commissione provinciale di garanzia è fantasiosa se non addirittura pretestuosa"

Più informazioni su


“Desta assoluto sconcerto leggere la presa di posizione di due componenti della commissione provinciale per il congresso facenti riferimento alla corrente chiamata ‘Labdem’”. Lo scrive in una nota Gianluca Cuda, segretario Pd della provincia di Catanzaro.

“Nella giornata di ieri – spiega Cuda – la commissione provinciale per il congresso, presieduta dall’avvocato Andrea Falvo, alla presenza del presidente della commissione provinciale di garanzia Mario Paraboschi, ha lavorato in stretta sinergia e piena collaborazione, deliberando all’unanimità.
All’interno di questo voto unanime hanno espresso il loro voto positivo tutte le aree, tra cui quella che fa capo alla mozione congressuale di Nicola Zingaretti”.

“La ricostruzione paventata dalle due componenti della commissione – aggiunge Cuda – è, pertanto, fantasiosa, se non addirittura, mi duole dirlo, pretestuosa e inutilmente velenosa. La componente Patrizia Maiello è uscita dalla seduta asserendo la necessità di tornare a casa per motivi personali, mentre, in un secondo momento successivo, Maria Teresa D’Agostino ha lasciato la seduta a causa dell’intervento brusco e non autorizzato di soggetti estranei alla commissione, gesto prontamente stigmatizzato all’unanimità”.

Ecco perché, scrive ancora il segretario “leggere che hanno ‘abbandonato’ la seduta di commissione in polemica non costituisce una rappresentazione reale del pomeriggio di ieri. Le due componenti, uscendo separatamente e in momenti diversi, con motivazioni diverse, non hanno nemmeno lasciato detto o fatto scrivere a verbale che erano in dissenso o che la commissione si doveva congedare e non continuare il suo lavoro in loro assenza. Probabilmente, la notte ha “portato loro consiglio”, ma lo stesso paventato ricorso alla commissione nazionale, mandato in copia a Nicola Zingaretti, qualora esistente, sarebbe irrituale, dovendo seguire i tre gradi di giudizio interni alle commissioni, indicati dal Partito Nazionale e non pare proprio di aver ricevuto ricorsi a firma Labdem nella seduta di ieri, inclusi eventuali ricorsi (fuori termine) riguardanti la città di Lamezia Terme. Per quanto riguarda la convenzione provinciale, ieri, di concerto con il Nazionale, abbiamo seguito pedissequamente la procedura indicata. Tutto il resto è una sterile quanto inutile polemica”.

Più informazioni su