Ferro: ‘Pd e M5S bocciati dai calabresi araffano poltrone’

Il deputato di Fratelli d’Italia: 'Il Governo ritiri la nomina del presidente del Parco Aspromonte e concerti con Santelli'

Più informazioni su


    “Il governo ritiri la nomina del nuovo presidente del parco dell’Aspromonte, imposta con una manovra di palazzo all’indomani della clamorosa sconfitta in Calabria del Pd e del Movimento Cinque Stelle. E’ vergognoso che una governance così importante per lo sviluppo dell’area naturale e del suo indotto turistico sia decisa senza un confronto con la nuova governatrice Jole Santelli, la quale è pure intervenuta sul ministro Costa rivendicando le proprie prerogative”. E’ quanto afferma il deputato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro, che prosegue: “La maggioranza rosso-gialla, cacciata a pedate dalla Calabria, nella fuga sta cercando di arraffare tutto ciò che riesce, e nel sacco ha infilato quest’ultima poltrona, una nomina di natura clientelare che avevo già denunciato nei giorni scorsi come oggetto di un accordo elettorale sulle spalle dei calabresi. Non è infatti giustificabile la richiesta di nomina del presidente del Parco dell’Aspromonte a pochi giorni dal voto regionale. Altro che rinnovamento, il Movimento Cinque Stelle e il Pd sardinato esprimono il peggio della voracità partitocratica. Dopo la protesta dei colleghi della Commissione ambiente Trancassini, Foti e Butti, e dopo che il presidente Fico ha ignorato le richieste del nostro capogruppo Lollobrigida prima del voto, rendendosi complice del blitz della maggioranza, Fratelli d’Italia chiede al presidente Conte e al ministro Costa di tenere giù le mani dal parco dell’Aspromonte, ritirando la nomina del nuovo presidente e concertandola con il governatore scelto dai cittadini”.

    Più informazioni su