‘Carissima Jole, prima donna presidente della Regione’

Gli auguri dell'emerito Guido Rhodio: 'Quel mondo femminile utilissimo e che interpreterai e rappresenterai con la ben nota capacità e sensibilità'

Più informazioni su


    Carissima Presidente Jole,

    sono felicissimo, come sai, della tua elezione a presidente della Regione, prima donna che assume un livello così impegnativo per le sorti della nostra terra, quel mondo femminile utilissimo e che, non ho dubbi, tu interpreterai e rappresenterai con la ben nota capacità e sensibilità.

    Conosco bene, fin dai tuoi primi anni giovanili,  il tuo forte radicamento nei valori democratici e cristiani, sperimentati con tanta generosità e disponibilità  nella tradizione esemplare della tua famiglia, a me tanto cara, e che hai rinnovato con ammirevole dignità e dedizione nella successiva collocazione politica e nei diversi campi istituzionali dove operi con competenza e tenacia, compreso il Parlamento della Repubblica e le Autonomie Locali.

    Ho piena certezza che nel nuovo delicatissimo ruolo che il popolo calabrese ti ha affidato , con così vasti consensi, porterai tutto il bagaglio della tua esperienza trascorsa, della tua intelligenza e della tua indubitabile dedizione e trasparenza, di cui la Calabria ha necessariamente bisogno in questa fase importante del suo sviluppo e della sua permanenza rispettabile nel novero delle altre Regioni italiane e delle Autonomie, in una Repubblica, rinnovata e moderna, con lo sguardo focalizzato sui problemi ancora irrisolti, soprattutto il lavoro giovanile e la criminalità organizzata.

    Accogli, pertanto, le mie vive congratulazioni per lo strepitoso successo conseguito e, soprattutto, il mio fraterno e affettuoso augurio di buon lavoro, assicurandoti la mia vicinanza e solidarietà anche personale, per quanto posso“.

    Guido Rhodio, presidente emerito Regione Calabria

    Più informazioni su