Il Consiglio regionale vota per il presidente: Tallini favorito

Ma la CdL non ritira la candidatura di Baldo Esposito. Inizio alle 10,30

CLICCA QUI PER SEGUIRE CONSIGLIO IN DIRETTA

Si insedia stamattina a Palazzo Campanella, a Reggio Calabria, con inizio previsto alle 10,30, il Consiglio della XI legislatura regionale della Calabria. All’ordine del giorno dei lavori, che eventualmente potranno protrarsi fino a domani, l’elezione del presidente dell’Assemblea, dei due vicepresidenti dei due consiglieri segretari questori.

Una seduta anomala se si guarda alla tradizione, assolutamente in linea con i tempi di contenimento che tutti sperimentano: ingresso in Aula contingentato, riservato ai soli consiglieri muniti di dispositivi di protezione individuale, al pari del personale amministrativo ammesso e indispensabile allo svolgimento. Sono esclusi pubblico, giornalisti e collaboratori degli eletti non indispensabili. È prevista la diretta streaming sul sito web del Consiglio.

Presiede il consigliere più anziano d’età, ovvero Pippo Callipo. Per eleggere il presidente sono previste due votazioni a scrutinio segreto oggi, in cui vale la maggioranza dei due terzi; se questa non viene raggiunta, domani si continuerà a votare, questa volta a maggioranza assoluta.

Nel vertice del centro destra svolto ieri sera, convocato dalla presidente Santelli alla Cittadella di Viale Europa, a Catanzaro, la maggioranza dei presenti ha confermato l’indicazione di Domenico Tallini (FI) quale presidente. Ma l’alternativa incentrata su Sinibaldo Esposito prospettata dai consiglieri eletti della Casa delle Libertà, unica lista della coalizione rimasta fuori dagli accordi sui vertici istituzionali, rimane sempre in piedi non essendo stata ritirata. Si procederà con una certa suspence alle votazioni, alimentata dal voto segreto nel quale si potranno inserire da una parte i consiglieri di minoranza e dall’altra gli scontenti della maggioranza che, a parte i dichiarati, non mancano mai.

Per quanto riguarda le altre cariche a disposizione dei 19 componenti della maggioranza, per la vicepresidenza dovrebbe reggere l’accordo su Luca Morrone (Fratelli d’Italia), mentre per il segretario questore la Lega deve scegliere tra Tilde Minasi e Filippo Mancuso.