Lavori Pubblici: Comune rinnova sinergia con Ordine ingegneri di Catanzaro

Riunione servita a mettere a punto la proposta del dirigente si settore per la convocazione di un tavolo tecnico che coinvolga anche gli altri Ordini professionali

Una rinnovata sinergia fra il settore Grandi opere e l’Ordine provinciale degli Ingegneri per garantire una più veloce e proficua ripartenza in questa nuova fase post-emergenziale.
È quanto hanno condiviso nel corso di un incontro, avvenuto questa mattina a Palazzo De Nobili, il dirigente del settore Grandi opere del Comune, Giovanni Laganà, e il presidente dell’Ordine degli Ingegneri, Gerlando Cuffaro.

La riunione, da entrambe le parti definita cordiale e produttiva, è servita a mettere a punto la proposta del dirigente Laganà per la convocazione di un tavolo tecnico che coinvolga anche gli altri Ordini professionali. “Per fronteggiare al meglio la crisi – ha detto Laganà -, è importante individuare nuove soluzioni per facilitare e rendere più rapido il lavoro comune in comparti centrali per il funzionamento della macchina amministrativa municipale e per la vita stessa delle associazioni di professionisti. Farlo tutti insieme, sulla base di una collaborazione mai venuta meno, è il primo passo di questo percorso”.

Laganà ha inoltre sottolineato: “Rinvigorire questa partnership che ha dato ottimi risultati finora è un segnale che viene rivolto soprattutto all’esterno: in questo modo il Comune ripropone la propria assoluta disponibilità al dialogo e al confronto con le associazioni professionali che svolgono un essenziale ruolo di supporto all’azione della pubblica amministrazione”.
Il dirigente ha poi ribadito a Cuffaro che “l’apertura degli uffici, sempre garantita nel rispetto delle prescrizioni di sicurezza anche durante il periodo più duro dell’emergenza, è a maggior ragione rafforzata adesso che è cominciata quella fase 2 che deve far ripartire tutto quel complesso di attività che il lockdown ha purtroppo rallentato”.

“La disponibilità del Comune a individuare soluzioni comuni per agevolare il lavoro degli ingegneri e, al contempo, quello dei funzionari dell’ente, è indice di una totale condivisione di un percorso tra l’Ordine degli Ingegneri e il dirigente, collega e amico, Giovanni Laganà – ha sottolineato il presidente Cuffaro –. La volontà di Laganà di procedere alla convocazione di un tavolo a cui dovranno partecipare anche gli altri ordini professionali, inoltre, sarà determinante per definire protocolli e regole comuni che velocizzeranno gli iter in settori delicati come il Sue e l’Edilizia privata, che consentiranno una migliore pianificazione del lavoro di tutti gli attori coinvolti. Sono certo, inoltre, che anche gli altri settori e i loro rispettivi dirigenti, per cui nutro profonda stima, risponderanno alle necessità e alle richieste dell’Ordine professionale che ho l’onore di rappresentare con soluzioni altrettanto efficaci”.
Cuffaro ha pure evidenziato la disponibilità, da parte dell’Ordine, di collaborare secondo le proprie specifiche competenze alla riprogrammazione e alla riprogettazione degli spazi pubblici per favorire la ripresa delle attività economiche e produttive dopo l’emergenza Covid-19.