Commissioni: Circoli Pd chiedono la pubblicazione dei verbali delle riunioni sul sito del Comune

Vista l’emergente necessità da parte di alcuni Presidenti di illustrare l’operato delle rispettive commissioni, non riteniamo ci siamo problemi nell’accettare di rendere pubblici i verbali

Stiamo assistendo ad un’invasione di note stampa da parte delle commissioni consiliari, che tutto d’un tratto, soprattutto nell’ultimo mese, hanno occupato la stampa locale più di quanto non lo abbiano fatto negli ultimi 3 anni.
Ad esempio, in poco più di una settimana, abbiamo letto ben 5 note stampa delle commissioni lavori pubblici, urbanistica e attività economiche che peraltro, da quanto emerge, si sono occupati di argomenti in prevalenza relativi solo ad una parte della città, prospettando progetti ipotetici ancora neanche passati al vaglio della fattibilità tecnica. E’ quanto si legge in un comunicato dei Circoli Pd Catanzaro. 

A questo punto una domanda sorge spontanea. Perché fino a qualche mese fa non c’era l’esigenza di comunicare gli argomenti trattati durante le commissioni e ora all’improvviso sembra di assistere alla pubblicazione di vere e proprie bozze di verbali di discussione?
Non stiamo assolutamente criticando il lavoro delle commissioni, ma ci colpisce questa improvvisa necessità di protagonismo da parte di organismi che hanno funzioni ben precise previste dal regolamento comunale.
Se si vogliono dare informazioni sulle attività svolte, sia prevista allora, la pubblicazione dei verbali delle riunioni sul sito istituzionale del comune come già fanno molte amministrazioni in tutta Italia (alcune delle quali anche calabresi).
A nostro avviso- prosegue il comunicato –  i cittadini catanzaresi hanno il diritto di sapere come e di cosa si discute nelle commissioni consiliari, ma dagli atti ufficiali e non dalle comunicazioni, ovviamente parziali, fatte sulla stampa.

Quindi, vista l’emergente necessità da parte di alcuni Presidenti di illustrare l’operato delle rispettive commissioni, non riteniamo ci siamo problemi nell’accettare di rendere pubblici i verbali (magari pubblicando quelli delle riunioni svolte negli ultimi tre anni).
Anzi, affinché tutti possano valutare in modo trasparente e nel merito il sicuro buon operato dei consiglieri, ci rivolgiamo direttamente al Presidente del Consiglio Marco Polimeni affinché consideri seriamente la nostra proposta mettendola in discussione al primo consiglio comunale utile.