Da call center ad aula bunker, venerdì mattina sopralluogo congiunto delle parti coinvolte con le commissioni consiliari

Scopo dell'incontro dovrebbe essere quello di “sponsorizzare” all'azienda altri locali di minore metratura all'interno della disponibilità delle medesima fondazione

Dopo l’incontro nella Sala Napolitano in via Perugini, la vicenda della chiusura del call center nell’area industriale, con i locali che verranno adeguati dal Ministero per ospitare un’aula bunker entro fine luglio, si sposta direttamente “sul campo”.

E’ previsto per venerdì alle 9.30 in loco un sopralluogo congiunto richiesto dalla sesta e settimana commissione consiliare insieme ai rappresentanti sindacali, il presidente della Fondazione Terina e la dirigenza dell’Abramo Custumer Care.

Scopo dell’incontro dovrebbe essere quello di “sponsorizzare” all’azienda altri locali di minore metratura all’interno della disponibilità delle medesima fondazione, andando così incontro alle esigenze di quei lavoratori che non possono o vogliono proseguire le attività in telelavoro o essere trasferiti nella sede aziendale catanzarese.