La commissione LL.PP del Comune alla senatrice Granato: “E’ solo una portavoce ministeriale senza alcun rispetto per il territorio che l’ha eletta”

Risposta dei consiglieri comunali all'esponente del M5S

Riceviamo e pubblichiamo la nota stampa dei consiglieri componenti della commissione lavori pubblici del Comune di Catanzaro : Riccio, Angotti, Consolante, De Sarro, Levato, Lostumbo, Mancuso Rosario, Mirarchi, Pisano, Praticò. 
“La senatrice del M5S Bianca Laura Granato ha “chiesto il conto” al sindaco Abramo sullo stato degli interventi e relative spese per la riapertura delle scuole. Un intervento a dir poco stucchevole che ha ricevuto la doverosa replica da parte dell’assessore Longo mirata a fornire i giusti chiarimenti tecnici sull’iter che, in totale trasparenza e pubblicità, l’amministrazione ha avviato tempestivamente. Avremmo con piacere voluto fare a meno delle dichiarazioni in stile “Corte dei conti” da parte della senatrice il cui ruolo dovrebbe essere, invece, di supporto e di sostegno al territorio che l’ha eletta. Piuttosto che farsi da semplice portavoce ministeriale, elencando risorse e numeri di cui ancora gli enti non hanno disponibilità, avrebbe fatto meglio a chiedersi come sia possibile far partire lavori con le sole anticipazioni del 20 per cento da parte del Miur – accreditate lo scorso 21 agosto – sul totale dei fondi stanziati per le scuole di Catanzaro che ammontano a 520mila euro.
La senatrice potrebbe domandare, per prima a se stessa, se l’amministrazione, tra i ritardi che si accumulano da parte del Governo, sia stata messa nelle condizioni di rispettare procedure e tempi di gara, previsti per legge. Oppure pensa che, per fare i lavori predisposti opportunamente nelle schede tecniche per 60 scuole cittadine, si possa chiamare il vicino di casa?  Noi consiglieri siamo sicuramente più attenti di lei, vivendo ogni giorno il territorio e conoscendo da vicino le problematiche di tutti i quartieri. Saremmo lieti, perciò, di confrontarci con lei su questo e altri temi all’interno della commissione lavori pubblici del Comune di Catanzaro, essendo lei esperta di commissioni a livelli ben più alti. Così potremmo, forse, avere traccia di una figura istituzionale che non si limiti a qualche uscita sporadica solo per dimostrare la propria esistenza politica”.