Riccio: “Zuccatelli e De Sarro come due bambini capricciosi che litigano per il pallone”

Duro affondo del consigliere comunale sulle due massime istituzioni della sanità

di Eugenio Riccio*

Se nei giorni scorsi abbiamo detto che il governo della sanità in Calabria può essere a tutti gli effetti considerato “il vero untore del Covid”oggi diciamo che le istituzioni che dovrebbero occuparsi di rendere la sanità funzionale ai bisogni dei cittadini , invece giocano contro i cittadini stessi. E uso la parola giocano non a caso.

Stanchi delle liti tra Zuccatelli e De Sarro

Siamo stanchi dei rintuzzi mediatici del Rettore e del commissario Zuccatelli. Sono stanchi i calabresi. Basta comunicati, basta posizioni di potere, basta giochini e dispettucci di bassa lega. Se De Sarro e Zuccatelli non sono in grado di sedersi attorno ad un tavolo, guardarsi in faccia , parlarsi da uomini e caricarsi delle responsabilità per le quali sono profumatamente pagati, allora si facciano da parte una volta per tutte. I calabresi stanno raccogliendo le macerie non del Covid 19, ma di un pessimo governo regionale durato 8 mesi e di una totale incapacità delle istituzioni di dare risposte immediate e certe.

Come due bgambini capricciosi

A questo punto, come accade tra bambini capricciosi, se non si mettono ragionevolmente d’accordo , essendoci di mezzo la salute pubblica, intervenga subito la Procura, il prefetto avochi a se’ ogni potere e Zuccatelli e De Sarro vadano a litigare in un campetto di calcio sperduto (il super santos  glielo  diamo noi  … ) così che nessuno possa subire i danni che impuniti hanno creato

*Consigliere Comunale