Quantcast

Opposizione all’attacco del sindaco: “Perchè non si agisce con fermezza?”

Sica e Mannino si rivolgono ad Alecci chiedendo che sia più risoluto

di Vittorio Sica e Giacomo Mannino*

Abbiamo raccolto, tramite telefonate continue e sollecitazioni de visu, notizie preoccupanti sul presunto caso di positività registrato a carico del genitore di tre alunni di Istituti collocati nella nostra città.
Pare che, nella fattispecie, tale persona si sia sentita male una quindicina di giorni fa e, a
tampone effettuato, sia risultato negativo al Covid.
Pare che, in tale situazione di apparente normalità, i figli del suddetto abbiano continuato a
frequentare la scuola media e la scuola elementare di Via Castagna e che la moglie di questi
abbia continuato a svolgere le funzioni di “maestra” in un asilo nido comunale.

I figli di un soggetto risultato positivo regolarmente a scuola fino a giovedì

Sembra che, poi, all’acuirsi dei sintomi da parte del succitato concittadino, questi sia poi stato costretto al ricovero ospedaliero e che il successivo tampone abbia dato esito positivo ma che fino a Giovedì i figli di costui si siano regolarmente recati a scuola.
Abbiamo, poi, ascoltato con attenzione il video-comunicato in cui il Sindaco informava
sinteticamente la popolazione indicando delle misure (invito a non uscire per i bambini e
sanificazione delle scuole) che appaiono assolutamente non adeguate alla situazione.
D’altra parte, come potrebbe la frequentazione dei pubblici Istituti da parte di soggetti
strettamente a contatto con un ammalato di covid lasciare tranquillo chi amministra la cosa
pubblica? Parliamo di ben quattro classi, e quindi di almeno 60 bambini!

Le responsabilità di  un sindaco in questi casi e le proposte dell’opposizione

Ricordando la responsabilità e gli oneri del massimo rappresentante sul territorio quale Autorità sanitaria locale, abbiamo formalmente invitato il Sindaco e l Assessore al ramo a disporre: l’ obbligo di autoisolamento, quantomeno, delle classi interessate e degli insegnanti coinvolti; che a tutti i soggetti anzidetti, alunni ed insegnanti, sia effettuato immediatamente il tampone senza attendere l’esito di quello fatto ai figli del soggetto positivo; che solo all’esito siano presi ulteriori provvedimenti di eventuale “normalizzazione” della situazione, e ad informare i consiglieri comunali tutti circa i fatti in questione e le inziative assumende.

Amministrazione non conseguente alle proposte presentate e all’emergenza

Aggiungiamo che un comportamento responsabile e lineare avrebbe altresì comportato
provvedimenti in merito alle tante possibili feste e festicciole, occasioni a forte rischio contagio, che per i bambini si erano programmate in occasione del weekend lungo di Halloween! Nessun segnale in tal senso è arrivato fino ad ora. E tutto ciò nel momento in cui la situazione generale precipita in Calabria e, a livello nazionale, si prepara (ahinoi) un nuovo lockdown ed in cui, per ciò, sarebbe necessaria maggiore prontezza e risolutività.

La popolazione inizia ad essere insofferente

Nel frattempo continuano ad arrivare ai sottoscritti decine di chiamate che denotano crescente insofferenza all’apatia amministrativa e preoccupazione, soprattutto, per gli studenti, e ciò tanto da genitori quanto da insegnanti. Tutti sono fortemente preoccupati dalla ripresa delle lezioni e per tutti non è sufficiente la mera sanificazione delle classi.
Ci vediamo, quindi, costretti ad un appello pubblico affinchè l’Amministrazione voglia
assumere le iniziative già da noi indicate, o altre più adeguate, ed operare così da limitare i
rischi per la popolazione tutta come da obblighi di legge e da dovere morale e politico.
Siamo pienamente convinti che si debba agire con prudenza e senza allarmismi ma con la
massima fermezza e tempestività a tutela della salute dei nostri cittadini

*Consiglieri Comunali Soverato – Gruppo Consiliare “Patto per lo Jonio”