Quantcast

Restrizioni Covid, Costanzo: “Anche l’Amministrazione Comunale si attivi per aiutare economia”

Si potrebbe decidere la temporanea sospensione del pagamento della tassa di occupazione Tosap e di tutte altre imposizioni fiscali demandate ai Comuni

Più informazioni su

    Il tema dei sostegni all’economia è stato discusso anche nel corso della riunione dei ministri economici e finanziari dell’area euro. “L’Eurogruppo – si legge nella nota diffusa al termine dell’incontro – ritiene vitale che il sostegno fiscale in ciascuno Stato membro continui anche nel 2021, dato l’aumento del rischio di una ripresa ritardata, e si adegui alla situazione man mano che evolve”. Al di là di quanto sta facendo lo Stato centrale attraverso i decreti ristoro  anche il governo locale deve attivarsi per mostrarsi solidale e resiliente  nei confronti  di  tutte quelle attività commerciali che da circa un anno stanno pagando duramente la crisi legata alla pandemia. Parliamo di un settore  che costituisce il tessuto economico della città fatta di piccoli commercianti, ristoratori,artigiani, ambulanti, titolari di palestre e pescatori che hanno subito un colpo mortale  costringendoli a  sopravvivere o addirittura a chiudere  le serrande.

    Difronte a questo “sterminio” il comune non può rimanere indifferente scaricando  le responsabilità sul governo centrale o su quello regionale. Per quanto è nelle sue possibilità, l’amministrazione comunale deve trovare forme e modo per essere  vicino a queste categorie sulla scia di quanto hanno già fatto altri comuni. Si potrebbe decidere la temporanea sospensione, o attraverso altre forme ( tipo l’utilizzo sotto forma di contributo delle risorse risparmiate per le manifestazioni non realizzate)del pagamento della tassa di occupazione Tosap e di tutte altre imposizioni fiscali demandate ai comuni( Tari, Imu ect ect), aiuti per i costi di gestione canoni locativi e bollette…Sarebbe un provvedimento che dimostrerebbe come l’Amministrazione sia vicina alle problematiche e alle difficoltà che stanno vivendo questi settori strategici per l’economia della città e del Paese. Tra i provvedimenti urgenti da adottare, quindi, quello di sollevare ristoratori, commercianti, ambulanti e negozianti, titolari di palestre e pescatori dai costi fissi a cui non possono far fronte essendo venuti meno i ricavi, a seguito dell’emergenza Coronavirus e delle necessarie misure lockdown.

    Attivare, perciò,tutti quei provvedimenti idonei che possano garantire alle sopracitate attività di poter riprendere le loro attività in sicurezza mantenendo il distanziamento sociale e nel contempo dandogli anche un po’ di sollievo dal punto di vista finanziario. Il Comune dovrebbe anche stare vicino  ai nostri pescatori, un settore completamente dimenticato dai ristori, ma che “naviga” in grosse difficoltà a causa della  chiusura dei ristoranti. A chi vendono il loro pescato ? Bisogna capire meglio se il mercato ittico locale può avere sostegno  e riduzione dei costi di gestione. La vicinanza, la solidarietà non si manifesta con empatia attraverso dichiarazioni sulla stampa, ma con fatti concreti. Ed è quello che chiediamo al sindaco Abramo e agli assessori Sculco, attività economiche e Concolino, politiche sociali…

    Sergio Costanzo                                    

    Capogruppo FareperCatanzaro

    Più informazioni su